La formula didattica è sicuramente innovativa. Ad istruire gli studenti sulla cultura delle start up e del fare impresa innovativa sono altri studenti, ovvero colleghi che hanno maturato analoghe esperienze d’aula negli anni passati e magari hanno provato con un progetto imprenditoriale a cimentarsi operativamente nell’avvio di un nuovo business.

E’ una formula didattica che entusiasma i giovani e li responsabilizza, alla ricerca di nuovi percorsi di apprendimento dove fare e saper fare si coniugano in modo intelligente, le conoscenze vanno a braccetto con le competenze, dalla teoria (poca e quanto basta, a dire il vero) si passa alla pratica. Il modello è stato ribattezzato di Università Capovolta e pare sia molto apprezzato dagli studenti perché, in modalità “reverse” rispetto agli approcci convenzionali, sono gli studenti che vanno in cattedra, i lavori di gruppo sostituiscono i compiti individuali, e gli imprenditori in aula sono considerati alla stregua di ospiti chiamati a raccontare la loro esperienza d’impresa.

E’ giunto alla terza edizione il ciclo seminariale “Start Up Your Business – Un Vulcano di Idee”, promosso dal prof. Rosario Faraci all’interno del corso di laurea in Economia Aziendale di cui è presidente. Quest’anno il team che ha collaborato il docente è risultato composto da Gabriele Fazio, Angela Gugliotta, Daniele Pecoraro e Danila Pelligra che, reduci dall’edizione precedente del corso e dopo la brillante esperienza estiva dei seminari “Take a sense of business”, si sono nuovamente cimentati nel ruolo di mentori e coach dei colleghi del II e del III anno.

Una sessantina di studenti si sono organizzati in team e, dopo aver frequentato 20 ore di aula fra laboratori, progetti e testimonianze aziendali, entro la metà di aprile dovranno presentare un progetto d’impresa in un evento pubblico dove, ospiti dell’imprenditore catanese Gianluca Costanzo, si giocheranno, al cospetto di una severissima giuria tecnica, la premialità più ambita: l’accesso alla seconda fase di Start Cup Catania, la business plan competition promossa dal Capitt dell’Università di Catania e collegata al premio nazionale per l’innovazione di PNI-Cube.

Diverse le idee finora maturate in aula nella logica della contaminazione, dove ognuno porta un contributo e le varie proposte convergono verso un unico progetto imprenditoriale. Bisognerà però attendere fino a metà aprile per sapere verso quali settori e aree di business i giovani studenti di Economia Aziendale vorranno proiettare le loro energie e tutto l’entusiasmo che hanno nel fare impresa.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi