CATANIA – In occasione delle prossime e​lezioni amministrative,​ la comunità di “OpenData Sicilia”, tra le più attive in Italia, lancia l’iniziativa #IOVOTOPENDATA, chiedendo ai candidati a sindaco di costituire, nei primi sei mesi di mandato, un gruppo di lavoro presso il Comune che si occupi dell’adeguamento della normativa e delle tendenze in atto in tutt’Europa sull’apertura dei dati.

Di cosa si occupa Opendata?OpenDataSicilia (h​ttp://opendatasicilia.it/)​ è una iniziativa civica che si propone di far conoscere e diffondere la cultura dell’o​pen government e le prassi dell’o​pen data nel territorio e aprire in città una discussione pubblica partecipata. Si tratta di un gruppo di cittadini con diverse storie, competenze, professioni, accomunati dalla genuina volontà di contribuire a migliorare la qualità della vita della nostra comunità, con spirito di collaborazione e concretezza.

Opendata Sicilia, infatti, chiede agli aspiranti sindaci, indipendentemente dal colore politico, di attivare percorsi formativi per il personale interno, e  di definire un programma dettagliato di rilascio dei dati, individuando opportune metodologie e priorità. L’idea è quella di cogliere l’occasione delle elezioni per promuovere l’offerta di buona politica digitale, ​in modo particolare quella relativa agli Open Data​ nella nostra Isola.

“Pubblicare i dati in f​ormato aperto,​ significa dare concreta attuazione al principio secondo cui i d​ati prodotti dalle istituzioni pubbliche nell’espletamento delle loro funzioni, appartengono alla collettività e, quindi, devono essere resi d​isponibili e​ r​iutilizzabili -spiega il gruppo di Opendata Sicilia -. Si tratta di un valore economico potenziale, valutato da McKinsey in mille miliardi di euro per la sola Europa. E non è difficile dargli credito: sappiamo tutti intuitivamente quanto il valore di un dato, come di un’informazione, aumenti esponenzialmente all’aumentare del numero di altri dati con cui può essere messo in relazione. E questo tanto più, quanto più rapido risulta il processo. Se i dati sono aperti, liberi alla fruizione di tutti, software compresi, metterli in relazione in modo utile è questione di attimi”.

Ma come funziona l’iniziativa? I candidati alla carica di sindaco nei comuni siciliani verranno invitati (via email, Facebook, Twitter), a visionare attentamente un d​ocumento di impegno sugli Open Data – che è possibile trovare online nel sito http://iovotopendata.opendatasicilia.it – e, nel caso ne condividano i contenuti, ad i​mpegnarsi pubblicamente a​d includerlo nel proprio programma e​lettorale per realizzarne gli obiettivi.

Le a​desioni a​ll’iniziativa, partita lo scorso 20 Maggio, saranno puntualmente aggiornate s​ul s​ito dell’iniziativa,​ anche in forma di m​appa geografica online.​ L’iniziativa è partita il 2​0 maggio e ha già raccolto numerosi consensi tra i candidati sindaci.

Scrivi