Mascali – Terzo pretendente alla carica di primo cittadino è il Dott. Giuseppe Calà, “Funzionario – Ispettore d’Igiene” presso l’Asp di Catania e promotore della nascita della Pro Loco mascalese. Sarà appoggiato da due liste civiche “Noi Insieme per Mascali” e “Mascali Legalità e Sviluppo” anche se quest’ultima è stata sospesa momentaneamente per un problema relativo alla documentazione, su cui si dovrà pronunciare il Tar a breve.

– Quali sono i punti principali del suo programma elettorale?
“Abbiamo fatto un programma elettorale che si chiama “Cinque azioni concrete per Mascali e le sue frazioni”, pochi punti e semplici:
Riorganizzazione, Semplificazione, Valorizzazione, Modernizzazione e Trasparenza della Casa Comune per riorganizzare la macchina amministrativa attraverso la semplificazione e l’unificazione dei processi decisionali avente l’obiettivo primario dello snellimento delle relative procedure tecnico-amministrative;
Politiche sociali e giovanili per intraprendere una seria e concreta azione di politica sociale comunale, attraverso l’attenzione massima alle famiglie, agli anziani, e ai disabili in difficoltà ma anche maggiore coinvolgimento ed integrazione tra il sistema Comune e le scuole locali attraverso la realizzazione di appositi progetti ministeriali rivolti ai nostri alunni;
Sviluppo e turismo dato che per noi Mascali ha una grande vocazione turistica e il suo territorio si espande dal mare fino alla collina per cui bisogna svilupparne questa potenzialità ed inoltre cercheremo di incentivare la vendita dei prodotti agricoli locali-artigianali a Km 0;
Territorio, Mare e Litorale per valorizzare, attraverso azioni ben precise, il patrimonio edilizio comunale esistente anche in termini di efficienza energetica incentivando la copertura con i pannelli fotovoltaici. In Sicilia si trascura tanto questo problema ma noi abbiamo almeno 300 giorni di luce solare e quindi sarebbe opportuno approfittarne. Inoltre vorremmo completare il progetto di riqualificazione del nostro litorale attraverso l’utilizzo dei fondi comunitari;
Strade, rifiuti, Acqua per ultimi ma sono i temi principali. Appena un’amministrazione si insedia deve dedicare subito il suo operato alle strade, ai marciapiedi e alle piazze perchè sono in un degrado assoluto. E’ da due anni che non si fa manutenzione ordinaria lasciando in totale abbandono tutti i luoghi pubblici mascalesi”.

– Secondo Lei, qual è il peggior problema da risolvere immediatamente nel suo Comune, qualora venisse eletto?
“Non ci sono problemi gravi, l’operato dell’amministrazione straordinaria è stato improntato sul riordino di tutti i debiti fuori bilancio che c’erano e quindi troveremo sicuramente un bilancio ben fatto, aggiornato e senza debiti. Possiamo quindi investire sul futuro di Mascali, investire sulla ripresa degli edifici sportivi che sono stati trascurati e non hanno il certificato di agibilitià, investire su alcuni edifici comunali come il centro sociale che potrebbe diventare il punto di riferimento per l’aggregazione e investire sul verde pubblico che è stato completamente abbandonato. Accanto al centro sociale esiste una bellissima villa che non è stata mai sfruttata a parte una pseudo inaugurazione fatta con una piccola manifestazione. Per noi lo spazio verde è molto importante come gli spazi per i giovani infatti vorremmo riqualificare anche l’oratorio comunale con una piccola biblioteca e un punto internet dedicato ai ragazzi”.

– In un periodo storico come questo, dove i comuni stanno diventando sempre più indipendenti ma allo stesso tempo ci si trova costretti ad aumentare la pressione fiscale sui cittadini, come vi comporterete?
“E’ vero che ci troviamo in un momento difficile dove i trasferimenti sono diminuiti però è un paradosso che spesso si sente dire che i fondi europei tornano indietro perchè non vengono investiti in Sicilia. Noi nella figura di Massimo Balsamo, che abbiamo nominato assessore designato, abbiamo un esperto che lavora nel settore della “Formazione e delle Politiche Attive del Lavoro” ma che è anche esperto di “Finanziamenti e Fondi Europei” che ci permetterà di sfruttare questi finanziamenti affinchè vengano concessi con dei progetti mirati per il comune. I fondi europei sono importantissimi e sono dedicati soltanto a progetti validi. Noi in cantiere ne abbiamo tantissimi e intendiamo sfruttare le nuove leve mascalesi, ci sono tantissime persone laureate che non aspettano altro che essere interpellate e motivate per presentare progetti validi che ci potranno permettere di accedere ai fondi europei”.

– Cosa pensa dell’eliminazione delle province e della probabile costituzione delle aree metropolitane? I Comuni potrebbero essere penalizzati da questo decentramento?
“Non si è ancora capito come le aree metropolitane andranno a sostituire lo scheletro delle province ma io spero che ogni comune abbia una parte all’interno di questa costituente ma spero anche che alcuni problemi vengano risolti in sede regionale e non vengano demandati ai singoli comuni che hanno già parecchi problemi da risolvere. Noi dobbiamo in qualche modo “curare” la cittadinanza e risolvere i loro piccoli problemi che purtroppo sono tantissimi ma soprattutto di natura economica. Oggi la globalizzazione ha creato gravi carenze di lavoro e noi a Mascali come negli altri comuni lo stiamo vivendo ma spero di dare con questi progetti una mano concreta nel mondo del lavoro”.

– I cittadini perdono sempre più fiducia nei partiti e lo dimostra il crescente astensionismo elettorale. La sua lista perché dovrebbe ricevere il consenso degli elettori?
“Ogni elezione amministrativa ha sempre un suo fascino. Io credo che ci sarà buona affluenza alle urne perchè stavolta i mascalesi vogliono veramente essere governati da persone che in qualche modo li possano risollevare da questa brutta etichetta che è quella di paese mafioso. Noi non siamo assolutamente persone mafiose. Noi siamo persone laboriose, con dignità e grande coerenza e con il voto i mascalesi lo dimostreranno facendo eleggere un loro rappresentante, dei loro rappresentati, che sicuramente toglieranno questa brutta macchia dello sciogliomento per mafia. Mi piacerebbe che si recassero al voto i concittadini perchè l’astensionismo non risolve nulla. Consiglio di leggere prima attentamente tutte le liste e i loro candidati e poi, con onestà e senza essere presi da paura o simili, scegliere”.

A.F.

Scrivi