ec9fffb12b666f78cbf7c1ce85b6b170É un Nino Bellia scosso e sorridente quello che raggiunge la piazza centrale del paese per festeggiare l’avvenuta vittoria al ballottaggio sul rivale Santo Trovato.

Le lacrime si sono mischiate a sudore e spumante versatogli addosso da alleati ed amici. Gli stessi che gli sono stati accanto dopo, e soprattutto, aver scoperto che sarebbe finito al ballottaggio pur avendo ottenuto bel più del 49% di preferenze. Accanto a lui, tra lavoratori e comprimari della campagna politica, l’amico di sempre Andrea Messina che ha seguito tutti ia53e925db65eff1e9daad2af8cbf993a-1 passi dell’amico che continuerà un progetto iniziato più di dieci anni fa.

La marcia é stata rallentata da un corteo funebre che sembra simbolico nel suo essere “cancellazione definitiva di un passato che per troppo tempo ha camminato accanto al nuovo”. Questo tra i tanti pensieri espressi dalla piazza festante che ha gridato insieme alle campane e all’arrivo di una vecchia Topolino usata come auto d’onoranza.

Davide Di Bernardo

Scrivi