TREMESTIERI ETNEO – Colpo di scena a Tremestieri: a pochi giorni dalle elezioni, e dalla notizia del ballottaggio tra Santi Rando e Sebastiano Di Stefano, emergono alcuni dati che potrebbero cambiare completamente il panorama politico in vista del nuovo confronto tra i candidati.

In particolare, nelle procedure di verifica dei verbali da parte del seggio centrale, sono emerse alcune anomalie in ben quattro sezioni. Nelle comunicazioni ufficiali dei presidenti, infatti, alla voce “voti di lista” risulta, in quattro casi, un numero superiore a quello dei votanti: e qui è scattato l’allarme. Ma si sa, vuoi per stanchezza, vuoi per scarsa attenzione, queste cose succedono. No? In realtà no, o meglio, non dovrebbero succedere.

Il presidente del seggio centrale, pertanto, ha convocato per il pomeriggio di oggi non solo i presidenti delle sezioni coinvolte, ma tutti i componenti di esse. Questi, al cospetto di un magistrato, dovranno aprire i plichi e ricontare le schede, dando le giuste spiegazioni alle anomalie: se le risposte non dovessero convincere, scatterà la denuncia. E torna tutto in gioco.

Sì, perché tra le liste candidate al Consiglio comunale ne figura una, “Azzurri per Tremestieri” a sostegno del candidato Sebastiano Caruso, che non ha superato la soglia di sbarramento per pochi voti: e grazie a questa “correzione”, potrebbe farlo. Insomma, Tremestieri si trova a fare i conti con un mistero pronto a sconvolgere gli equilibri politici, nella speranza che si risolva tutto nel pieno spirito di “legalità” che dovrebbe contraddistinguere le elezioni. Dovrebbe.

Antonio Torrisi

Scrivi