gucicone“Vorrei che queste feste portassero via tutto il malcontento e il pessimismo di cui siamo invasi. Mi piacerebbe leggere nel 2015 un giornale zeppo di sole belle notizie e, soprattutto, che la nostra quotidianità non sia sostentata, come hanno ben descritto Ficarra e Picone in “Andiamo a quel paese”, dalla pensione dei nonni.
Sarei felice di trovare sotto l’albero un lavoro serio e dignitoso per tutti in cui vengono premiate le qualità e non le raccomandazioni. Vorrei non vedere più milioni di giovani talentuosi relegati e sfruttati in un call center e le giovani coppie evitare di fare figli, perchè non possono contare su entrate sicure. è bello sperare in un futuro migliore, particolarmente in questi giorni e di questi tempi, ma chissà forse un mondo diverso potrà esistere, anche se so che non sarà domani.
Intanto godiamoci le feste e brindiamo in attesa di tempi meno bui… Prosit”
Elisa Guccione

A proposito dell'autore

Passionale, grintosa ed innamorata del suo lavoro. Abbandona la carriera giuridica per realizzare il suo sogno: scrivere. Testarda e volitiva crede nella forza trascinatrice dei propri sogni e combatte per realizzarli. Sempre pronta con il suo inseparabile registratore a realizzare un’intervista. Si occupa di Teatro e Comunicazione da anni. Non ha paura delle sfide, anzi, la stimolano ad andare avanti.

Post correlati

Scrivi