“L’Emergenza Catania rischia di aggravarsi a causa degli annunciati tagli al bilancio del Comune, imposti dalle riduzioni dei trasferimenti di risorse nazionali e regionali. Sulla composizione della spesa, sulla necessità che questa sia equa e produttiva, le organizzazioni sindacali sono da sempre attente e lo sono ancor più adesso. Cgil, Cisl, Uil e Ugl ribadiscono, quindi, la richiesta di incontro urgente con il sindaco Enzo Bianco per discutere del preventivo 2015 e, particolarmente, delle voci di uscita destinate alle Politiche sociali e del lavoro ma anche delle iniziative per la migliore utilizzazione delle risorse comunitarie”. Lo scrivono i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl Giacomo Rota, Rosaria Rotolo, Fortunato Parisi e Carmelo Mazzeo in una nota inviata al primo cittadino di Catania, Enzo Bianco. Aggiungono i segretari delle quattro organizzazioni sindacali: “Riteniamo indispensabile  il confronto con le istituzioni politiche su proposte e idee per lo sviluppo e l’occupazione, ma soprattutto per la tutela della dignità dei cittadini più esposti alla crisi. Pur nella consapevolezza che il bilancio dell’ente locale non vada sovraccaricato di aspettative, né tantomeno che si possa chiedere al solo ente locale la soluzione dei fattori di esclusione e disperazione ormai dilaganti nella nostra città, Cgil, Cisl, Uil e Ugl chiedono al Comune il massimo coinvolgimento nella definizione di uno strumento così delicato e importante qual è il bilancio preventivo”. “Siamo certi − concludono Giacomo Rota, Rosaria Rotolo, Fortunato Parisi e Carmelo Mazzeo − che il sindaco Enzo Bianco saprà cogliere in questo appello delle organizzazioni sindacali un’opportunità  per rafforzare la propria azione in favore della crescita della Città di Catania, nel segno dell’efficienza amministrativa e della solidarietà”.

Scrivi