CATANIA − La Squadra Tifoserie della DIGOS, a seguito di specifica attività investigativa, suffragata dal contributo delle immagini videoriprese effettuate dal personale del locale Gabinetto Regionale della Polizia Scientifica, ha denunciato all’autorità giudiziaria due ultras catanesi che, in occasione degli incontri di calcio di Tim Cup Catania-Spal e Catania-Cesena disputatisi gli scorsi 10 e 20 agosto, dagli spalti della Curva Nord, in segno di contestazione nei confronti dell’ex presidente Antonino Pulvirenti, si sono resi responsabili dell’accensione e del successivo lancio all’indirizzo del rettangolo di gioco di alcuni fumogeni che creavano pericolo per la pubblica incolumità.

La conseguente attività d’indagine consentiva pertanto d’identificare e deferire alla locale autorità giudiziaria per il reato di lancio di materiale pericoloso previsto e punito dall’art. 6 bis della legge n. 401/1989.:

– M.P., di anni 21, per aver lanciato n.1 fumogeno durante la gara Catania-Spal e n.2 fumogeni nel corso dell’incontro Catania-Cesena.

– G.B., di anni 33, per aver lanciato n.1 fumogeno durante la gara Catania-Cesena.

Inoltre, nei confronti dei suddetti, il Questore di Catania ha emesso i relativi provvedimenti di D.A.SPO. con obbligo di comparizione presso gli uffici di polizia competenti.

Analoghi episodi si erano già verificati nella partita amichevole disputata dalla squadra etnea, in data 2 agosto u.s. presso il Centro sportivo “Torre del Grifo” di Mascalucia contro la squadra dell’Equipe Sicilia. In tale occasione, come noto, il lancio di alcuni fumogeni all’interno del campo di gioco per il quale sono stati denunciati e sottoposti a DASPO due ultras etnei, ha determinato la sospensione della gara per qualche minuto.

Scrivi