PALERMO – Un black-out elettrico di notevole dimensione, passato sotto silenzio, si è registrato nei giorni scorsi in un’area della Sicilia: un precedente che rischia di essere l’inizio di una catena di disservizi che può compromettere la qualità complessiva del servizio elettrico siciliano, allontanandolo ulteriormente dagli standard elettrici italiani.

E’ quanto affermano la Filctem Cgil Palermo e la Cgil Palermo, evidenziando che “alla gravità dell’evento, non è stato dato il giusto risalto”. Il 10 novembre scorso, alle 11,50 circa, in contemporanea si sono interrotte le cabine primarie di Piazza Armerina, San Cono, Mazzarino e Scordia. Sono state disalimentate dal servizio elettrico circa 50 mila utenze per 11 minuti. Contestualmente al disservizio, è stata provocata una mancata produzione di circa 13 Mw da fonti rinnovabili ed è stato provocato un danneggiamento alla centrale a biomasse di Dittaino di 20 Mw di produzione. “Le cause di fondo di quanto è accaduto – dichiarano Mario Ridulfo, della segreteria della Cgil Palermo e Francesco Lannino, segretario generale Filctem Cgil Palermo – sono da individuare nella scelta di ridurre il presidio di Terna in Sicilia, prima declassando la direzione territoriale di Palermo e poi riducendo il presidio del centro di controllo della Rete, con sede a Palermo, che sovraintende alla rete elettrica siciliana – Al fine di scongiurare ulteriori disservizi e ridurre i tempi di interruzione di energia alle utenze si deve puntare a invertire il trend che ha visto predominare la logica di centralizzare attività e processi, spogliando Palermo di strutture e di professionalità essenziali alla qualità del servizio. Occorre puntare a una valorizzazione del presidio delle strutture di Terna a Palermo, indispensabili alla gestione delle innumerevoli particolarità del territorio e alle continue emergenze”.

Emergenze che sono rappresentate dall’elevata concentrazione di fonti rinnovabili in Sicilia, dal collegamento con Malta, dalle gestioni sperimentali di storage, dalle acquisizioni della Rete elettrica Rfi, dalle gestioni del collegamenti dei cavi sottomarini di interconnessione con le reti continentali, dalle emergenze incendi in estate, etc. “Tutte ragioni – aggiungono Ridulfo e Lannino – più che sufficienti per pretendere maggiore attenzione e potenziamento di uomini e strutture da parte delle aziende che operano nel settore elettrico”.

 In merito alle dichiarazioni della Filctem Cgil Palermo e della Cgil Palermo sul black out del 10 novembre, Terna precisa che sono forvianti e privi di fondamento. Non esiste alcuna correlazione tra l’entità dell’evento e la struttura organizzativa di Terna.  L’evento, originato da condizioni meteo particolarmente avverse, ha interessato l’elettrodotto 150 kV Valguarnera – Piazza Armerina causando la disalimentazione di alcune cabine primarie della zona. I tecnici di Terna sono intervenuti immediatamente mettendo in sicurezza la linea e limitando cosi il disservizio a soli 10  minuti. Circostanza che dimostra come, anche in una situazione di emergenza, l’organizzazione territoriale di Terna garantisce tempestività e adeguatezza d’ intervento.



-- SCARICA IL PDF DI: Energia elettrica, black-out in Sicilia: valorizzare il presidio Terna di Palermo. "Solo un guasto, subito riparato" precisa l'azienda --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata