CATANIA – È la terza edizione dell’appuntamento enogastronomico più importante del Sud Italia. Un’edizione ancora più ricca di quella del 2015 che, con i suoi 17 mila visitatori, 80 tra eventi e convegni, laboratori e spettacoli, 400 articoli raccolti in rassegna stampa, e oltre un milione di visualizzazioni web, ha segnato un vero e proprio record.
Torna a Catania Expo Food & Wine, la fiera internazionale del buon cibo e del buon vino Made in Italy, che si svolgerà dal 26 al 28 Novembre 2016 al Centro fieristico Le Ciminierie. Per tre giorni, la città etnea tornerà dunque capitale del gusto e dell’eccellenza vitivinicola ed agroalimentare con il format ideato e creato da Sief Italia e divenuto ormai l’evento must per il connubio gusto – territorio e per la spinta promozionale che riesce a dare ai produttori, partner essenziali della manifestazione che mira a tessere una fitta rete che creda e punti sull’internazionalizzazione.
Per l’edizione 2016 Expo Food and Wine infatti sarà ancora più vetrina internazionale e occasione di incontro tra aziende e produttori, attraverso il sistema B2B che consentirà agli espositori e ai professionisti del settore di prendere contatto e concordare appuntamenti mirati prima che la manifestazione abbia inizio. Incontri rigorosamente one to one con buyer internazionali che rappresentano un’importante occasione di visibilità sul mercato estero, una concreta opportunità commerciale e un momento unico per stringere rapporti e creare contatti e sinergie, anche per il futuro.
Un sistema apposito consentirà gli incontri e lo scambio di informazioni che consentirà anche ricerche mirate. Numerose e prestigiose le delegazioni presenti da tutto il mondo: Irlanda, Germania, Belgio, Portogallo, Lituania, Regno Unito, Cina, Argentina e Bulgaria. “Una delle nostre mission e degli scopi di Expo Food & Wine – spiega Alessandra Ambra, Presidente Expo Food and Wine – è supportare le aziende nel processo di internazionalizzazione creando una fitta rete di contatti, dando loro la possibilità di usufruire di una serie di vantaggi tra cui l’abbattimento dei costi e la partecipazione ad attività promozionali all’estero”.
Il Salone non si limita, dunque, alla sola esposizione dei prodotti, ma vuole essere “strumento” al servizio delle imprese e dei consumatori, un momento di confronto, di educazione alimentare alla qualità, marchio principale su cui basare la produzione. Uno strumento di marketing turistico utile anche per promuovere prodotti e progetti unici. Come il fico d’india che verrà declinato in tutte le sue espressioni, nel corso del convegno “La strada del ficodindia dei sapori e saperi di sicilia, strumento inedito in italia”, organizzato dal prof. Carmelo Danzì Responsabile del Progetto Sinergia, e che vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Anthony Barbagallo, Ass.re Regionale al Turismo, Antonello Cracolici, Ass.re Regionale all’Agricoltura, Giuseppe Castiglione, Sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Concetta Raia, Componente Commissione Rapporti Unione Europea e Regione Sicilia in programma domenica 27 novembre 2016 alle ore 18.00.
Ma Expo Food & Wine è anche molto altro: tra degustazioni, conferenze, cooking show, dibattiti e cultura, l’evento è una vera e propria esperienza da vivere.
Per maggiori informazioni e programma di Expo Food & Wine:
www.expofoodandwine.comhttps://www.facebook.com/expofoodandwine


-- SCARICA IL PDF DI: Enogastronomia: Expo Food & Wine, il buon cibo e il buon vino --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata