BELPASSO – Vittoria del Comune di Belpasso che ha ottenuto, insieme ad altri 11 Comuni, dal Tar del Lazio la sospensione dell’efficacia del Decreto Interministeriale del 28 novembre 2014 che ha escluso Belpasso dall’esenzione dell’IMU sui terreni agricoli montani. Soddisfatto il sindaco Carlo Caputo: “Riteniamo che il decreto emanato lo scorso novembre sia del tutto ingiusto e privo di qualsiasi aderenza con la realtà geomorfologica di tanti territori italiani: con un colpo di mano inaspettato il Ministero dell’Economia, di concerto con quello dell’Interno e delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, ha infatti ristretto i criteri applicativi dell’esenzione dell’imposta municipale propria per i terreni agricoli montani decretando che quelli ricadenti in Comuni il cui Palazzo Municipale sia ubicato al di sotto di 700 metri sul livello del mare non siano più considerabili come tali. La sospensione – ha concluso il primo cittadino – dell’efficacia del suddetto Decreto, che avrebbe imposto un odioso balzello ai proprietari di terreni per lo più improduttivi, è per noi una vittoria importante: adesso ci aspettiamo che ne venga decretata definitivamente l’illegittimità”. L’udienza decisiva si terrà presso il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio il prossimo 4 febbraio.

 

Scrivi