Che grinta per la squadra di Esposito sempre sostenuta dal tifo della Domusbet Arena.

di Gianluca Virgillito

CATANIA – Che Italia! Che spettacolo la squadra di Massimiliano Esposito! Si è conclusa alla grande per la nostra nazionale la tre giorni di Catania per la prima tappa dell’Euro League del beach soccer. Tre vittorie su tre alla Domusbet Arena beach stadium ( sei a due contro l’Olanda, tre a due sulla Francia e due a uno contro la Russia).

Arena tinta d’azzurro per l’ultima gara dell’Euro League. In campo l’Italia e i campioni europei in carica della Russia. Italia prima del girone con sei punti. Russia alla ricerca del risultato per chiudere al secondo posto del girone. Infatti nell’altra gara in programma per il girone A, la Francia ha battuto l’Olanda per cinque a tre, appaiandosi proprio agli Orange e alla Russia a tre punti. Per la squadra padrona di casa invece, la voglia di chiudere la tappa catanese nel migliore dei modi, battendo l’avversaria più temibile. Gara tiratissima, estremamente accorta da entrambe le parti. Ottimi i due portieri, Spada per l’Italia, più volte miracoloso e Bukhlitskiy per la Russia. Dopo un inizio di marca russa, l’Italia si sveglia e aggredisce gli avversari trovando però i pali invece che la rete con Ramacciotti e Gori . Primo tempo che si chiude sullo zero a zero. Alla ripresa gli azzurri ritrovano un’Arena indemoniata che inneggia alla vittoria ma la gara ancora una volta vive nell’equilibrio più assoluto, ancora zero a zero. Aldilà del risultato ingannevole la partita è stata sempre spettacolare, le azioni si susseguivano. Ancora ottimo il portiere russo che ha sventato le occasioni di Corosiniti, Frainetti e Zurlo. Terzo tempo. Domusbet Arena continua a spingere, invocando tra gli altri il super-catanese, nonché capitano azzurro, Giuseppe Platania. Gli azzurri ci provano e finalmente trovano la rete del vantaggio con Corosiniti: esplode di gioia il pubblico, così come tutti i beachers italiani. Ma dietro l’angolo la beffa. Neanche il tempo di riprendere il giorno che Shishin batteva l’incolpevole Spada: uno a uno. Pochi secondi al termine. Comunque un ottimo risultato per la nostra nazionale. Quando tutti erano ormai pronti a sentire la sirena di fine gara, eccolo. Marrucci prende il palo e sulla ribattuta, palla in rete e suona la sirena. Due a uno allo scadere: ruggisce di gioia il pubblico dell’Arena. L’Italia chiude alla grande la sua prima tappa di EuroLega. I prossimi impegni italiani vedranno gli azzurri di scena a Siòfok, in Ungheria, per la quarta tappa del torneo dall’otto al dieci agosto.

A fine gara Santino Lo Presti, presidente del dipartimento beach soccer della LND, è raggiante: “un risultato straordinario! L’Italia c’è ed è una splendida realtà nel paronama internazionale. Orgoglio per la riuscita dell’evento, con Catania che a buon diritto, entra tra le capitali del beach soccer”.

Gianluca Virgillito

 

Scrivi