MILANO − La Sicilia e le sue tradizioni gastronomiche, strettamente legate alla tipicità del territorio, approdano all’EXPO di Milano, nell’ambito di una serie di iniziative con protagonista il Parco dei Nebrodi che, con i suoi 86.000 ettari di superficie, costituisce la più grande area protetta siciliana. Nel corso di una serie di giornate dedicate sono diversi gli eventi finalizzati a mettere in luce i prodotti e le tradizioni culinarie della cucina nebroidea, sobria ed essenziale e connessa alle produzioni autoctone, tra cui spiccano alcune eccellenze come i prodotti caseari e i derivati dal suino nero.

Ad arricchire la manifestazione la presenza della sezione di Messina dell’AMMI (Associazione Mogli Medici Italiani), da sempre fautore e portavoce di sicilianità: una delegazione guidata dalla presidente avv. Francesca De Domenico Leonardi, venerdì 4 settembre alle ore 18,00 presenterà alcune ricette tradizionali del territorio contenute nel libro “La ricetta del Sindaco”. Il volume, curato dal giornalista Massimiliano Cavaleri, per la prima volta in Italia lega i massimi rappresentati istituzionali all’arte culinaria, trasformando i primi cittadini in ‘cuochi per un giorno’, pronti a descrivere le migliori prelibatezze autoctone. 108 comuni, 108 sindaci e 108 ricette, dove le pietanze sono solo un pretesto per intraprendere un percorso di conoscenza dei borghi, un viaggio nel patrimonio storico e culturale tra sapori e costumi di tanti piccoli paesi siciliani con prefazione di Maria Grazia Cucinotta.

Il libro racconta la provincia di Messina attraverso la tradizione gastronomica e, grazie all’iniziativa del sodalizio messinese, sarà presente anche all’EXPO di Milano, dove in un contesto multinazionale e plurietnico potrà mettere in luce le migliori e più rappresentative prelibatezze made in Sicily, dove il cibo ‘non è solo un alimento ma rappresenta una vera e propria identità’.

 

Scrivi