Prima domenica a casa per Fabrizio Pulvirenti, medico di Emergency oramai guarito dal virus ebola. Domenica trascorsa con famiglia e amici. Ancora provato fisicamente, confuso per l’improvvisa celebrità. Si prevede tuttavia un periodo di stress causa inviti da parte di tivù, giornali e associazioni di varia natura. Si ha voglia di conoscere dettagli circa la sua esperienza in Sierra Leone – prima in Kurdistan – si ha voglia di conosce particolari della missione Emergency in terra africana. Il ministro Lorenzin ha preso a  cuore la situazione del medico cinquantenne. Dopo la conferenza stampa in diretta televisiva dello scorso 2 gennaio si è ripetutamente informato sulle condizioni del nostro concittadino. Indiscrezioni danno per imminente una chiamata del Santo Padre.

A proposito dell'autore

Giornalista e saggista

Marco Iacona, giornalista e saggista. Siciliano non per colpa sua. Autore di sei volumi dal colonialismo italiano all’éra pop passando per il Sessantotto. Il settimo è in arrivo. Conosce Trento, Trieste, Bologna, Milano, Bergamo, Asti, Roma, Firenze, Pisa, Genova e Venezia. Non è mai stato ad Amalfi. Preferisce i fumetti a Nietzsche e Nietzsche a Hegel. Studia la destra ma preferisce Woody Allen. Ama l’opera lirica, la Callas e Pasolini. Ha vissuto quarant’anni in Sicilia e quattro in Piemonte. Nel 2010 ha riattraversato lo Stretto non per nostalgia.

Post correlati

Scrivi