SIGONELLA –  E’ diventata ormai una delle più attese tradizioni “acquisite”. Un appuntamento imperdibile per i catanesi che tanto amano quella sana contaminazione culturale, che ormai da anni, ha mescolato le dolci memorie legate alle “festa dei morti” in Sicilia, con la più chiassosa e colorata festa di Halloween fatta di zucche e streghette. A sugellare questo interscambio, ci pensa ormai da qualche tempo la base Navy di Sigonella, che eccezionalmente, una volta l’anno, apre le porte della blindatissima “city nella city” , per invitare i cittadini “non americani” a banchettare con loro, in quella che nasce come la celebrazione dell’autunno, ma ormai è conosciuta da tutti come la festa di Halloween. E così, anche questo penultimo week-end ottobrino, ha rispettato l’appuntamento, trasformando la base in uno scorcio autunnale americano, addobbato con zucche, gonfiabili e festoni a tema, insospettabili soldati travestiti da fantasmi e zombie per l’occasione, trasformati in veri e propri distributori di caramelle in carne ed ossa. E così, tutti in fila (e che fila) per poter accedere alla base. Controlli serrati e meticolosi, che ancora una volta hanno garantito la sicurezza dei visitatori, per nulla infastiditi dalle lungaggini preventive ma ben felici di collaborare. Profumo di hot dog e ali di pollo, cup cake e zucchero filato l’hanno fatta da padrone per le due giornate, permettendo agli “stranieri della porta accanto” di assaporare un pezzo di unitedstates. L’evento di quest’anno, ci racconta l’addetto stampa della base Alberto Lunetta, si fregia di un merito in più: a visitare la base e godere dei giorni di festa infatti, quest’anno c’erano i ragazzi del quartiere a rischio Monte Po’, che accompagnati da una delegazione hanno potuto apprezzare la diversità della cultura americana. Un aspetto Social- Friendly da non sottovalutare, e che rientra in quel processo d’integrazione sociale promosso da Lunetta e dal suo staff.

Ma da dove nasce, l’esigenza di aprire le porte agli italiani, condividendo con la città, l’americanissima festa Usa? Ce lo spiega il Comandante della base, che Ai nostri microfoni racconta: “ E’ dura stare lonano da casa, ma voi italiani ci avete accolto come vostri concittadini. Molti dei miei ragazzi vivono al di fuori della base, e sono perfettamente integrati con Catania. Queste giornate di festa, i soldati che regalano caramelle e fanno il barbecue, la musica, i concerti, è il nostro modo di dire Grazie. Contestualmente, non è semplice organizzare a livello logistico questo tipo di visite, vorremmo organizzare più giornate di questo tipo, ma per motivi di sicurezza non so quando e se sarà possibile.”

Nicoletta Castiglione


-- SCARICA IL PDF DI: Festa d'autunno, Sigonella apre le porte agli italiani --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata