CATANIA – Il Giardino Bellini (monumento storico vivente inviolabile)  dopo lo scempio infinito degli anni passati,  ‘grazie’ in particolare  alle numerose  feste di partito e non autorizzate dai vari Sindaci che si sono susseguiti,   rischia ancora una volta di ridursi ad una sorta di fiera di partito con tutte le conseguenze inevitabili e scontate per la sua integrità e per la sua conservazione.  E’ più che sconcertante – afferma Alfio Lisi,  portavoce di Free Green Sicilia – SOS Beni Culturali – pensare che il Giardino Bellini possa essere trasformato in un accampamento di decine e decine di stand di ogni genere e dimensione per fare piacere ad un partito, peraltro  di governo come il Partito Democratico,  che invece dovrebbe essere attento alla difesa e alla conservazione del patrimonio culturale e paesaggistico della nazione e di  ogni città, anche sotto l’aspetto dello sperpero del denaro pubblico. Sarebbe un crimine contro uno dei Patrimoni dell’Umanita’ trasformare un piu’ che vulnerabile giardino storico, come la Villa Bellini, in una ‘fiera di partito’, perché questo di fatto è,  con tanto di devastante impatto  ambientale .

 La stessa Soprintendenza di Catania nel 20.06.2012 con nota prot. 12949  ha espresso formalmente la sua netta ed  inequivocabile contrarietà ad iniziative degradanti e incompatibili con il bene culturale Giardino Bellini, così recita:  Alla luce di quanto sopra descritto, non ritiene compatibile il tipo di “evento” con la conservazione e la tutela del “Giardino Storico“ in quanto sia l’installazione delle strutture tecnologiche di grande pregnanza, connesse al tipo di manifestazione , sarebbero certamente idonei ad una sede già in uso ad “impianto sportivo” oppure a grandi piazze esterne al contesto urbano, che l’elevato numero di pubblico che tale evento richiamerebbe possono comportare il rischio concreto , anche involontario, di azioni di danneggiamento alla Villa Bellini e alle sue persistenze, tali da recare pregiudizio alla conservazione del Giardino storico. Il tipo di manifestazione non si coniuga con il luogo storico, tanto meno con l’impianto a verde che è parte integrante della Villa Bellini e con le testimonianze di opere scultoree esistenti a rischio”. 

 Free Green Sicilia- SOS Beni Culturali – lancia un accorato appello a ogni cittadino ad per opporsi a tale irresponsabile proposta  a salvaguardia della loro ‘Villa’, emblema stesso della città e della sua storia,  oltre ad avere inviato una missiva a tutte le autorità competenti affinchè non rilascino le autorizzazioni previste,  in primis alla Sovrintendente di Catania ai  Beni Culturali e Paesaggistici,  nel rispetto del Codice nazionale  dei Beni Culturali e alla Carta internazionale  dei Giardini storici  di Firenze, e  di intervenire per fermare un ennesimo  e prevedibile scempio dell’ecosistema botanico e architettonico di un bene inalienabile e delicato  come il  Giardino storico monumentale Vincenzo Bellini e agli organizzatori di organizzare tale festa   nei luoghi adeguati e dove non possa fare danno a monumenti e ville storiche.

 

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi