Marcolin: «Che bello tornare qui! Il Catania? Deve risalire subito!»

di Gianluca Virgillito

Una gran festa. Questo è stato “un goal per la solidarietà”, evento organizzato da un instancabile Luca Napoli, giunto ormai alla sua nona edizione. La gente ha riempito le tribune dello stadio “Angelo Massimino” per sostenere un progetto finalizzato ad aiutare famiglie bisognose e per acclamare i personaggi famosi accorsi per l’occasione . «Sono felice di essere qui oggi – ha spiegato una raggiante Valentina Scialfa, assessore allo Sport del comune di Catania – Un goal per la solidarietà è una manifestazione che porta in alto il nome della nostra città oltre che a dare un sostegno a chi, in questi periodi di crisi, ha bisogno di aiuto. Ben vengano eventi come questo».

Tanta allegria e musica hanno coinvolto proprio tutti, dal pubblico agli stessi protagonisti del campo, con la presenza dell’ex “tronista” di Uomini e donne Francesco Monte e la fidanzata Cecilia Rodriguez, sorella della più famosa Belén e i balletti di Angela “favolosa cubista” e Ruly Rodriguez con il suo “Tacatà”.

 In campo a darsi “battaglia” quattro squadre: artisti nazionali, artisti siciliani, giornalisti e la “Dream Team”, formazione composta dai partner dell’evento. A vincere saranno i giornalisti, rappresentati su tutti da Daniele Lo Porto, segretario provinciale dell’Assostampa, Alessandro Fragalà e Angelo Patanè, famoso telecronista e commentatore delle partite del Catania, con un gol nella finalissima dell’aggregato Gionatha Spinesi, ex attaccante della squadra etnea. «Sono felice di poter partecipare ad un evento di solidarietà come questo. Giornate come quella di oggi devono sensibilizzare tutti – ha esordito l’ex “Gabbiano”, che poi, parlando del Catania retrocesso in Serie B, prosegue – bisogna archiviare questa brutta stagione e ripartire, il Catania e i catanesi ce la possono fare: bisogna ritornare in A!» Anche l’allenatore Maurizio Pellegrino è intervenuto a sostegno di questa giornata di solidarietà e, una volta interpellato sul futuro della squadra rossazzurra, ha risposto: «c’è tanto rammarico e desiderio di ripartire ma oggi siamo qui per altri motivi, per sostenere una giusta causa, ci saranno altri momenti per parlare del futuro».

A sostenere Luca Napoli e la causa della manifestazione anche un grande del calcio di ieri, Nicola Berti, ex centrocampista dell’Inter che si è detto «felice di essere qui, in una città stupenda come Catania, con gente così calorosa» e un allenatore che qui a Catania non è stato dimenticato, Dario Marcolin, vice di Sinisa Mihajlovich nella stagione 2009-2010. «Che bello tornare qui! – ha esordito sorridendo – Quando Luca Napoli mi ha chiamato non ho esitato, accettando immediatamente di venire . La retrocessione del Catania? Non me l’aspettavo, ma è successo. Adesso un po’ tutti devono rimboccarsi le maniche e cercare di risalire subito, in un anno! Poi le cose diventerebbero complicate. Ma la Serie B è tosta, un campionato davvero difficile!»

 Gianluca Virgillito

Scrivi