Appuntamento  con    l’importante kermesse internazionale di musica Afroamericana più attesa della provincia che ha incoronato negli anni Mascalucia, la capitale del blues (ingresso gratuito).

L’edizione 2014, seppur di due sole serate, non avrà nulla da invidiare alle precedenti, parole di presidente e direttore artistico, rispettivamente Rita D’Antoni e Corrado Zappalà. “Il nostro messaggio pubblicitario è must go on- spiega Corrado Zappalà- lo spettacolo continua nonostante tutto ma proprio tutto. Abbiamo salvato il festival e in meno di un mese tirato su, preservandone la sua indole. Due e non tre giorni per questioni legate alle poche risorse a nostra disposizione messe a disposizione unicamente dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Leonardi e da pochi sponsor ai quali diciamo grazie di cuore. Ma ci è stato detto di mantenerlo e lo abbiamo fatto con la promessa che l’anno prossimo riprenderemo la tre giorni e tanto altro”.

10556222_10201425227712725_6550125682672097497_nAbbiamo mantenuto alta la qualità della musica- aggiunge il direttore artistico- con qualche piccolo sacrificio anche lì, il format, l’area espositiva (con liete sorprese quest’anno) artigianato locale, mostra di pittura e con la presenza di Amnesty International attraverso la quale vogliamo veicolare un forte messaggio sociale. Ma soprattutto cosa più importante siamo certi che grazie al nostro particolare pubblico si darà vita ancora una volta all’interno dello splendido  anfiteatro Trinità Manenti, a quel momento magico che solo chi ha vissuto conosce. “Un grazie grande ai nostri fornitori e collaboratori che hanno capito e ci stanno dando  una grossa mano- dice Zappalà- non potevamo fermare un treno in corsa come è diventato negli anni Etna in blues, oramai evento consolidato a livello nazionale e tanto atteso dalle migliaia di persone che negli anni hanno apprezzato i contenuti di questo evento”.

Corrado Zappalà ci tiene a puntualizzare  come oggi Etna in blues fa parte di un contenitore ben più ampio facendo parte di un progetto che vede insieme ben 10 festival tutti collocati nell’area mediterranea, con diverse  regione coinvolte  quali Sicilia,Puglia,Basilicata, Calabria,Molise, Campania ed il cui fine è quello di veicolare il messaggio turistico, offrendo un itinerario alle decine di migliaia di persone che amano questo genere.
“L’ingresso gratuito è un mio personale ringraziamento al nostro pubblico- conclude Zappalà-  vista la ricorrenza del mio decimo anno di organizzazione del festival. Il resto lo farà come sono certo il nostro pubblico”. In scaletta per il 29 agosto Attabolica (CT), New Generation Class (CT), Niggaradio (CT), Slidin’Charlie & Boo Shake (PA). Il 30 agosto si esibiranno The High Blues Essence (CT), Red Label Wish (CT), Kinisia (TP) ed in ultimo la star USA Bocephus King.

 

 

Scrivi