PALERMO – “Con questa mini-manovra finanziaria la maggioranza che sostiene Crocetta ha riaffermato l’assurdo principio dell’emendamento: scelte frammentate e senza alcuna impostazione politica. Dov’è la tanto decantata programmazione del governo rivoluzionario? Dov’è l’elemento di rottura e di discontinuità rispetto al passato? Si continua con la deplorevole prassi di inseguire le emergenze, con una azione di governo approssimativa e disordinata. Una manovra che poteva essere licenziata già ai primi di agosto e che si è protratta per la logica dei veti, dei ricatti e delle contropartite all’interno del centrosinistra. Il risultato? No al contributo alla Università Kore, al Brass Group, al Consorzio agrario palermitano, all’edilizia popolare. Il nostro voto di astensione è una condanna del metodo adottato: non si governa coi provvedimenti finanziari-tampone.” Lo ha dichiarato l’esponente dell’opposizione all’Ars Nello Musumeci, leader del Movimento civico #Diventeràbellissima, a margine del voto finale sul ddl finanziario.


-- SCARICA IL PDF DI: Finanziaria bis della Regione, Musumeci: "Governo senza programmazione" --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata