PALERMO – “Finalmente un sussulto di dignità del governo Crocetta dopo oltre due anni di inerzia dinanzi ai soprusi finanziari perpetrati dallo Stato nei confronti della nostra isola”. Così i parlamentari dell’opposizione Nello Musumeci, Santi Formica e Gino Ioppolo commentano la decisione del presidente della Regione Rosario Crocetta di impugnare la legge di stabilità nazionale che sottrae per quest’anno alla Sicilia 1 miliardo e 200 milioni di risorse. “Finalmente è avvenuto quello che avevamo a lungo invocato, è stata impugnata una finanziaria lesiva dei diritti e dell’autonomia della Sicilia. Spetta a Crocetta far dimenticare la sua condotta remissiva tenuta fino a ieri  verso il governo Renzi e trovare il coraggio di condurre assieme a noi la battaglia per il riconoscimento di tutte quelle risorse economiche aggiuntive sulla base delle prerogative dello Statuto”.

Scrivi