5837_Riposto 2

La Guardia di Finanza della Compagnia di Riposto ha scovato 1,5 kg di hashish nascosti nel doppio fondo di una Mercedes durante un posto di controllo nei pressi del casello autostradale di Fiumefreddo di Sicilia.
Nell’ambito delle attività volte al controllo economico del territorio e, in particolare, alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti quotidianamente disposte dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, è stato organizzato, nella notte tra sabato e domenica, un posto di controllo nei pressi del casello autostradale fiumefreddese. Così, verso le 5 del mattino di ieri, durante le operazioni di controllo di una Mercedes CLK con quattro passeggeri a bordo, tutti palermitani, alcuni di essi hanno mostrato evidenti segni di nervosismo e sono caduti in contraddizione fra loro alle specifiche domande dei finanzieri ripostesi sul motivo della loro presenza nella zona jonica.
Probabilmente, con l’intento di sviare più approfonditi controlli, uno degli occupanti dell’autovettura ha consegnato spontaneamente 4 grammi di hashish, dichiarandone il possesso per uso personale. I militari hanno, però, deciso di sottoporre il mezzo ad una più accurata ispezione, avvalendosi anche dell’unità cinofila antidroga del Gruppo di Catania.
Dopo un’attenta ricerca, seguendo le precise indicazioni fornite da Zaro il pastore tedesco delle Fiamme Gialle, è stato così individuato un nascondiglio ricavato all’interno della plancia del mezzo nel quale sono stati rinvenuti otto panetti avvolti nel nastro adesivo. Le successive operazioni di riscontro hanno permesso di quantificare in un chilo e mezzo di hashish la sostanza complessivamente trasportata.
I quattro passeggeri, A.A. di 40 anni, il figlio A.U. di 20 anni nonché A.A., di 26 anni e il fratello A.D. di 23 anni tutti di Palermo, sono stati arrestati e associati presso la Casa Circondariale di Piazza Lanza a disposizione della Procura della Repubblica di Catania, cui sono stati tutti deferiti per detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio.
L’intervento testimonia ancora una volta la direttrice di approvvigionamento dell’hashish dalla zona palermitana e della necessità di coprire il mercato delle cosiddette droghe leggere nel catanese con approvvigionamenti della sostanza stupefacente, anche in considerazione degli ingenti sequestri di marijuana operati.

A proposito dell'autore

Giornalista free lance - Educatore dell'infanzia

Comincia la sua carriera giornalistica scrivendo per il giornalino del liceo scientifico che frequenta. Entra a far parte della redazione catanese del Giornale di Sicilia, da cui non si è mai separato, nel 2005. Primo articolo ufficiale realizzato il 23 ottobre 2005 (a 19 anni ma il 31 ottobre sarebbero stati 20) per la gara di calcio di Prima categoria Calatabiano - Victoria 1-0. Dopo anni di studio e sacrifici ottiene la laurea in "Educatore dell'infanzia" nel 2013. Attualmente collabora anche con gds.it, con HercoleTv e con il mensile Il Cittadino Libero. Ama il cinema, i concerti, i viaggi e la buona musica. Ha visitato tutta la Sicilia, Malta, il Salento, Roma, Venezia, Milano, la Romagna, Firenze, Pisa, Lucca, Ascoli, Varese, Aosta, Caserta, Napoli, Perugia, Parigi, Barcellona, Basilea, Ginevra e Lugano. Lo sport in generale è la sua passione ma specialmente il calcio, la pallavolo, il basket e l'atletica leggera. Inoltre segue costantemente la cronaca nera, bianca e la politica.

Post correlati

Scrivi