https://www.youtube.com/watch?v=kvrVzSYtrdk

 

di Rosa Maria Di Natale

A Catania le famiglie mafiose puntano ancora sulle corse clandestine di cavalli come simbolo tradizionale di potere e come fonte di guadagno illecito, ma il fenomeno, secondo la Polizia, è in calo. I dati parlano chiaro: le tante gare bloccate, i sequestri e le conseguenze più severe indicate dalle ultime norme che prevedono multe e reclusione, hanno attutito la tendenza degli anni passati .

Ne parlano il dirigente dell’UPGSP Daniele De Girolamo e l’ispettore capo della Squadra a cavallo, Giuseppe Andronico. Rimane il dubbio sulla destinazione della carne macellata degli equini sfruttati per le competizioni. La Polizia non ha dati certi ma il sospetto che finiscano sulle tavole dei cittadini esiste. L’Asp di Catania è però certa che i fitti controlli annullino ogni rischio che i catanesi possano ritrovarsi in tavola carne di cavallo di dubbia provenienza, come assicura Emanuele Farrugia, direttore Servizio Igiene alimentare origine animale.

“Cavalli di mafia” è il primo appuntamento di Focus City Catania, il web format che approfondisce in tre minuti argomenti di attualità e cronaca del territorio realizzato da Good Local News per SiciliaJournal.it

 

Pubblicato il 30/05/2016

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi