L’ex ragioniere generale della Provincia di Catania riesce a farsi assolvere dall’accusa di truffa perché dimostra che, contemporaneamente, non era dirigente anche al Comune di Catania. Ma poi chiede al Comune di corrispondergli il compenso da dirigente per l’attività svolta. C’è qualcosa che non quadra.

Scrivi