PALERMO − Cibo come cultura, musica di qualità a fare da accompagnamento, tanta storia dell’arte. È davvero un quadro che si sapori,saprospetta di successo quello di “Un brunch al Riso”, la rassegna ideata da Peppe Giuffré che partirà il 29 gennaio alle 12,30 e si svolgerà ogni domenica a mezzogiorno all’interno di Palazzo Riso in corso Vittorio Emanuele 365 (di fronte l’isola pedonale di piazza Bologni). Lo chef trapanese − che ha deliziato lo scorso anno i palati di David Beckam, Bill Clinton, Bill Gates, Jovanotti, Eva Longoria e Pierluigi Casiraghi in occasione di un meeting internazionale organizzato da Google a Selinunte − ha ideato delle mattinate di intrattenimento domenicale per famiglie e turisti – ma anche per quei giovani che si svegliano tardi la domenica mattina – nei locali e nel cortile dello spazio “Caffè e stanze del gusto” che si affacciano sul Cassaro.
Si parte dal menù − naturalmente, in onore al nome del museo − a base di riso. Così si potrà mangiare: il basmati agli agrumi capperati, il vialone con carpaccio, il riso lungo coi polpi e il pesto trapanese. E ancora: caponata, pane cunzato con origano di Fontanarossa, crema di ceci con dadini di panelle, passata di cereali con pane fritto in olio extravergine, risotto in paellera con salsiccia, ortaggi e verdure amare, timballo di spaghettini alla siciliana con julienne di cotonese.
Giuffrè, inoltre, sommerà ai panni di chef quelli di abile narratore con un compagno di viaggio d’eccezione: Marcello Mandreucci. Insieme metteranno in scena uno show-cooking dedicato alla storia della cassata siciliana. Un racconto che intreccia rimandi, citazioni e curiosità che evocano le infinite contaminazioni culturali che nel corso dei secoli hanno reso questa delizia del palato il capolavoro assoluto della pasticceria siciliana. Un autentico momento di “teatro-cucina” dove , con complice interazione, le canzoni dell’artista palermitano incontreranno il momento narrativo, del grande chef trapanese.

Scrivi