GIARRE – Rifiuti ingombranti: un’Odissea. Il ritiro dei rifiuti ingombranti a Giarre è diventato un vero e proprio incubo. Ecco la disavventura di uno dei tanti contribuenti, che vuole seguire le regole. “In data 29 agosto – racconta Gino Finistrella– ho chiamato l’ufficio rifiuti ingombranti di Giarre ed ho comunicato via telefono la mia necessità chiedendo come fare per il ritiro. Subito mi hanno detto che bisognava aspettare almeno 20 giorni e la cosa già mi è sembrata esagerata. Non ricevendo nessuna comunicazione verso il 25 settembre ho richiamato e sempre gentilmente mi hanno detto che c’era tanto arretrato e dovevo attendere altri 20 giorni. A questo punto mi sono indispettito ed ho risposto per le rime. Alla mia reazione, mi comunicavano che mi stavano inserendo per venerdi 7 ottobre. Oggi, diligentemente ho chiamato per la conferma e mi viene detto che il servizio è sospeso e che si stanno premurando per attivarlo. Ora mi chiedo se non è opportuno che l’amministrazione comunichi questo problema alla cittadinanza. Vorrei sapere veramente come stanno le cose e cosa deve fare il cittadino in questo lasso di tempo. Non si meraviglino se poi trovano materassi e quant’altro nella villetta Garibaldi”. Sulla vicenda abbiamo indagato e verificato che il signor Finistrella ha perfettamente ragione, per cui abbiamo contattato il sindaco, Angelo D’Anna per avere dei chiarimenti. D’Anna ci ha risposto:”Purtroppo è vero. Il mancato pagamento di alcune fatture all’incaricato ha determinato il ritardo e disservizio. Stiamo risolvendo urgentemente e speriamo di recuperare il pregresso, al più presto”.

Mario Pafumi


-- SCARICA IL PDF DI: Giarre, è emergenza raccolta rifiuti ingombranti --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata