Mario Pafumi

GIARRE – Il nodo resta sempre quello del passaggio dei lavoratori impiegati nel servizio di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati dall’attuale ditta alla nuova, ma a seguito della riunione svoltasi ieri in Municipio, pare che si sia giunti alla svolta definitiva. L’amministrazione comunale e la ditta Dusy si sono incontrati per completare gli ultimi dettagli necessari per la firma del contratto e per l’inizio dell’attività della nuova ditta, appunto la “Dusty”, che dovrà occuparsi del servizio Rsu. Nel corso dell’incontro sono stati messi in rilievo alcuni aspetti contrattuali che necessitano essere definitivi in maniera precisa per una gestione fluida di un rapporto settennale che garantirà alla Città un servizio essenziale. Di comune accordo tra le parti, si è convenuto di differire di qualche settimana la stipula del contratto, che avrà decorrenza dal mese di gennaio 2017. Nel frattempo l’amministrazione Comunale ha deciso di prorogare per un altro mese la gestione del servizio alla ditta Tech, attuale gestore del servizio spazzamento rifiuti, alle medesime condizioni contrattuali fino ad oggi applicate. L’assessore all’Ecologia Giuseppe D’Urso: “Siamo giunti quasi alla conclusione della vicenda per la stipula del contratto, che richiede una maggiore precisazione su alcuni aspetti che altrimenti, potrebbero fare sorgere delle future problematiche”. Al termine dell’incontro con i responsabili e i dirigenti della Dusty, il sindaco D’Anna ha incontrato i responsabili delle risorse umane della ditta Dusty e i rappresentanti sindacali dei lavoratori in merito alle ultime procedure relative al passaggio dei dipendenti in forza alla ditta Tech alla subentrante Dusty. Il sindaco D’Anna ha spiegato: “Abbiamo preferiamo aspettare ancora un mese al fine di iniziare in maniera chiara e puntuale l’erogazione di questo essenziale servizio per la nostra Città”.


-- SCARICA IL PDF DI: Giarre, il differimento dell'inizio del servizio della nuova ditta Dusty --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata