RAGUSA – A Febbraio presso il Tribunale di Ragusa processo per frode commerciale  nei confronti di LIDL-ITALIA ai danni dell’agricoltore Maurizio Ciaculli, Confedercontribuenti di cui è responsabile nazionale antiracket si costituirà parte civile.
L’imprenditore agricolo Maurizio Ciaculli ha denunciato LIDL-ITALIA per aver commercializzato melanzane con il suo marchio ma provenienti dalla Spagna. Dopo la sua denuncia è stato vittima di attentati. Inoltre Maurizio Ciaculli ha perso tutti i suoi beni per la vendita alle aste giudiziarie: l’azienda agricola, il capannone e la casa di abitazione andranno all’asta il prossimo anno. A Febbraio prossimo, il processo per frode che si terrà a Ragusa dovrà appurare anche il nesso di congiunzione tra la denuncia e gli
attentati subiti. Confedercontribuenti di cui Maurizio Ciaculli è responsabile nazionale antiracket si costituirà parte civile  come le associazioni Riscatto, lo studio legale Nicosia e  Altragricoltura. Per ciò che concerne i benefici previsti dal Fondo di solidarietà dei quali dovrebbero beneficiare chi prende la strada della legalità e della denuncia, Ciaculli e tanti altri che ne avrebbero  i requisiti sono in attesa della nomina ufficiale del nuovo commissario.

-- SCARICA IL PDF DI: Giustizia, Confedercontribuenti parte civile con un agricoltore ragusano contro Lidl Italia --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata