di Gianluca Virgillito

«Questa manifestazione è diventata un progetto per la nostra città, un mezzo di crescita e di sensibilizzazione che tocca non solo gli organizzatori ma anche le istituzioni e tutta la popolazione che accorre sempre numerosa». Ha esordito così l’assessore allo sport, la dottoressa Scialfa, in occasione della conferenza di presentazione al Palazzo degli Elefanti di Catania dell’evento benefico dell’anno “Un goal per la solidarietà”, in programma il 21 Maggio allo stadio Massimino.  Tutti concordi nel ringraziare l’organizzatore dell’evento, l’instancabile Luca Napoli che è riuscito a pianificare per la nona volta un evento che vedrà la presenza di tantissimi personaggi conosciuti: attori, cantanti e sportivi, ma non solo. «Sono felicissimo di poter fare qualcosa per la gente che ha bisogno, i ringraziamenti vanno a tutta la squadra che ha lavorato per rendere questa manifestazione possibile e agli sponsor che ci accompagnano», ha dichiarato un Luca Napoli decisamente commosso per gli elogi ricevuti.

Ma a prendere la parola non sono stati soltanto i personaggi importanti della politica, dello sport, o degli organizzatori. Infatti hanno parlato anche i “destinatari” dei proventi, attraverso la testimonianza di un uomo che ha potuto usufruire dei buoni spesa ricevuti. «È stato fantastico prendere coscienza del fatto che i catanesi sono tutti uniti, che hanno voglia di aiutare chi ha bisogno del loro soccorso». Anche la showgirl Desirèe Ferlito, impegnata da anni in questo progetto, si spende in parole di elogio per l’organizzazione perfetta, ricordando anche quanto sia importante ricordarsi che «spesso chi ha bisogno di noi si trova proprio al nostro fianco, e “un goal per la solidarietà” vuole arrivare proprio a questo: aiutare chi è in difficoltà».

«Obiettivo benefico al primo posto. Ma che festa che è il quadrangolare di “un goal per la solidarietà”. Lavoriamo in modo serio – ha commentato Agata Alonzo – perché le cose riescono bene solo quando alle spalle c’è un impegno notevole».

Anche  Renato Marletta e Massimiliano Vinti, presenti nella veste di uomini di sport hanno posto l’accento sull’importanza e la necessità di ricollegare allo sport la solidarietà.

Insomma, come in un coro, all’unisono, il messaggio lanciato è stato quello di partecipare ad un evento diventato un “classico”. L’auspicio è pertanto che, come nelle edizioni precedenti, la città di Catania si mobiliti, riempiendo il Massimino.

Gianluca Virgillito

Scrivi