Gravina di Catania: Agata Viola ha presentato le proprie dimissioni dalla Giunta Comunale, rivendicando con orgoglio le tante opere viola agata-1realizzate lasciate in dote all’Amministrazione, evidenziando che si tratta di una scelta, operata a seguito di esplicita richiesta da parte del Sindaco Domenico Rapisarda, concordata col Gruppo Consiliare e i movimenti civici di riferimento.

Plaudono alla scelta di Agata i consiglieri di “Cambiamo Gravina”, Michelangelo Barravecchia, Massimiliano Giammusso, Filippo Riela, Enzo Santoro e Angela Zanghì. Tale gesto è stato motivato esclusivamente dal rispetto delle decisioni del primo cittadino, al quale con coerenza e lealtà e con un contributo determinante sia in termini elettorali che di progettualità politica, i cinque Consiglieri hanno sempre manifestato il proprio sostegno, sin dalla prima Amministrazione Rapisarda.

Determinate scelte hanno minato irrazionalmente il necessario principio di rappresentatività in Giunta delle diverse sensibilità presenti in Consiglio Comunale, organo che evidentemente si vuole privare delle proprie funzioni di indirizzo politico, mortificando l’impegno di una compagine come “Cambiamo Gravina” che paga la propria autonomia rispetto a certe logiche.

Resta dunque un solo vero accordo da onorare, quello con i Gravinesi, ai quali i Consiglieri rinnovano il massimo impegno nel cercare di portare a compimento le tante opere fondamentali che costituivano l’Accordo di programma condiviso da tutte le forze politiche che hanno vinto insieme le scorse elezioni e che Gravina attende e legittimamente pretende. Nel contempo i Consiglieri continueranno ad avvalersi dell’autonomia politica e del senso critico, che hanno consentito di aggregare tanti amici gravinesi che desiderano fortemente riconoscersi in una diversa e disinteressata concezione dell’attività politica e in un progetto che si ponga come unico obiettivo l’efficiente ed efficace gestione del nostro Comune.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi