Cinque artisti del “carretto siciliano” iscritti nel Registro delle Eredità Immateriali della Regione siciliana, Libro dei Tesori Umani Viventi, su richiesta della Provincia di Catania. Si tratta dei Maestri del “carretto siciliano” Antonio Zappalà (pittore decoratore), nato ad Aci S. Antonio, Venera Chiarenza, detta Nerina, (pittore decoratore), nata ad Acireale, Rosario D’Agata (scultore) nato ad Aci S. Antonio, Salvatore Chiarenza (scultore) nato ad Acireale e Paolo Rapisarda (fabbro/ferraio), nato a Aci S. Antonio, che si aggiungono al Maestro Domenico Di Mauro (pittore decoratore), nato ad Acireale, già iscritto nel medesimo Libro.
Un riconoscimento attribuito dalla Commissione Eredità Immateriali della Regione siciliana a “collettività e gruppi individuati come unici detentori di particolari conoscenze e abilità” che in questo caso ha premiato artisti che prestano la loro opera in territorio acese dimostrando, ancor oggi, maestria e talento .
Il Registro delle Eredità Immateriali è costituito dai seguenti quattro Libri, ciascuno dei quali raccoglie una particolare Eredità Immateriale a seconda della sua natura: il Libro dei Saperi, il Libro delle Celebrazioni, il Libro delle Espressioni, il Libro dei Tesori Umani Viventi.

Scrivi