Vi avevamo già parlato del caso meningite contagiosa che giorno 24 dicembre aveva destato preoccupazione al Pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele, quando una donna 40enne si era presentata in stato confusionale e poi subito ricoverata. I presenti in ambulatorio furono poi costretti ad assumere la pillola di profilassi per evitare il contagio, la donna è ancora ricoverata in terapia intensiva ma l’allarme contagio è rientrato il giorno stesso, con lo stesso primario della struttura, Carmelo Iacobello, a dissipare ogni allarmismo.

Allarmismo che purtroppo, come si sa, attecchisce subito e con estrema viralità sui canali social. Nonostante la notizia sia di ben cinque giorni fa, sta iniziando a circolare solo adesso tramite una delle tante catene virali sull’applicazione di messaggistica WhatsApp, scatenando inutile panico e preoccupazione di pronto soccorso evacuati e centri commerciali infetti.

Ar40dTEzKRxk3f-rt6PqwqrORH6MjzfCYeSU9tfX4Hqr

La catena su WhatsApp

Non andare alle porte di Catania. Caso di meningite, la cassiera del supermercato, hanno chiuso anche il pronto soccorso  del Vittorio  per evitare il contagio… avvisate tutti quelli che conoscete

Questo il testo dell’inutile catena generatrice di panico virale da smartphone, sindrome assai più contagiosa di qualunque altra epidemia. Cari lettori di Sicilia Journal, state tranquilli, e semmai doveste avvisare tutti i conoscenti, fatelo con questo articolo.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Emanuele Strano

Appassionato di sport, calcio, fantacalcio e di social media marketing. Coordinatore e caporedattore per Fantamagazine.com, collaboratore nel settore cronaca per SiciliaJournal. Si occupa di moda e stile per il portale Thegentleman.me

Post correlati

Scrivi