CATANIA – Il centro di Catania ancora teatro di violenze, solo ieri un ragazzino di 13 anni è stato picchiato da un gruppo di venti bulli alla villa Bellini. Il tredicenne è stato mandato all’ospedale senza che nemmeno un vigile urbano intervenisse o si facesse vivo. “Si tratta dell’ennesimo caso di aggressioni che si verifica in una città fuori controllo, peraltro in pieno centro storico”, a lanciare l’allarme i deputati all’Ars, alla Camera e i senatori del Movimento 5 Stelle del Catanese che adesso chiedono a gran voce “maggiore sicurezza e legalità nel centro cittadino di Catania e in tutta l’area interessata alla cosiddetta movida catanese”.

I portavoce M5S hanno già preparato una petizione da inviare al Prefetto, al Questore, al sindaco e al consiglio comunale di Catania che denuncia chiaramente la situazione di degrado del centro di Catania; “atti vandalici, spaccio, risse, azioni di bullismo, aggressioni, prostituzione, sporcizia in vie dal valore storico e nei pressi di monumenti, posteggiatori abusivi e aggressivi, – denunciano dal M5S – e nessuno a controllare, nonostante le numerose denunce”. I Cinquestelle lanciano anche la raccolta firme on line (di seguito il link: https://www.change.org/p/prefetto-di-catania-questore-di-catania-sindaco-di-catania-legalita-e-decoro-nel-centro-cittadino-a-catania-ieri-aggredito-bambino-in-villa-bellini?recruiter=103207295&utm_source=share_petition&utm_medium=whatsapp).

In conclusione, deputati e senatori chiedono quindi maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine, un monitoraggio  attraverso webcam a basso costo; chiedono anche di dare vita a un Comitato permanente fra commercianti, residenti, avventori e associazioni di buona volontà che insieme all’autorità possaperiodicamente fare il punto della situazione, aggiustando il tiro con taluni provvedimenti mirati. “E’ evidente – dicono – che oggi piangiamo l’assenza, nel passato come nel presente, di politiche sociali adeguate; il Comune si attivi urgentemente per promuovere iniziative volte alla coesione sociale”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi