di Anna Rita Fontana

Prosegue con successo l’attività del Coro Lirico Siciliano, la nutrita compagine affermatasi in ambito nazionale e internazionale, sotto la bacchetta lungimirante di Francesco Costa. L’ensemble, impostosi come una delle più qualificate realtà liriche, si accinge adesso a vivere un evento singolare, ovvero il prestigioso Festival Internazionale della Musica di Macao  in Cina, che perviene alla sua 29ma edizione, sotto la direzione artistica del rinomato direttore d’orchestra Lu Jia.DIRETTORE LU JIA

Nell’arco trentennale del blasonato festival, la realtà del Coro lirico siciliano vi prenderà nuovamente parte, dopo vari anni consecutivi, in virtù di notevoli qualità vocali, sceniche, di rifinito fraseggio e trasparenza timbrica che conferiscono all’ensemble un ruolo di primissimo piano tra gli artisti siciliani nel mondo. Il concerto d’apertura della 29ma edizione del Festival cinese avrà luogo nella Chiesa di San Domenico il 18 ottobre, con l’esecuzione di pagine altamente vibranti del repertorio sacro e operistico.

Sarà la virtuosa bacchetta di Francesco Costa, direttore stabile della compagine corale, a dare corpo a pagine di intensa spiritualità, sull’accompagnamento pianistico di Roberto Moretti: lo “Stabat Mater” di Giuseppe Verdi e il “Te Deum in do maggiore” di Vincenzo Bellini, del quale il Coro è stato sempre ambasciatore; accanto a un’oculata cernita da “Cavalleria Rusticana”, “La forza del destino” e “Mosè in Egitto”.vincenzo bellini

Novità di grande rilievo dell’edizione 2015 del Festival Macao, sarà l’esecuzione in Prima Mondiale di un’opera composta da Francesco Costa, ovvero la Missa Brevis Sanctae Caeciliae, dedicata proprio al Festival di Macao e ai suoi vertici. Elevato banco di prova per la compagine sarà l’opera lirica in 5 atti di Charles Gounod Faust, nota per il suo spessore drammatico ed evocativo. Lo spettacolo, firmato dalla Lyric Opera di Chicago, si affida alla Macao Orchestra diretta da Lu Jia, per un’opera concepita sullo stile altisonante del grand-opéra francese, che si avvale della regìa originale di Frank Corsaro, ripresa da Chas RaderShieber, e dello scenografo-costumista Robert Perdziola. Nomi di spicco del cast vocale, sono quelli di Diego Silva e Juan Pablo Dupre nel ruolo eponimo; accanto al basso italiano Carlo Colombara nel ruolo di Mefistofele, al baritono Troy Cook che interpreta Valentino, mentre agli artisti Lana Kos e Georgia Jarman toccheranno le vesti di Margherita. Si tratterà di una consacrazione a livello internazionale per l’arte del bel canto all’italiana.
A.R.F.

Scrivi