di Elisa Guccione

Foto servizio Vincenzo Musumeci

CATANIA – Dopo il successo di “Tale e Quale Show” il cantautore Matteo Becucci ritorna prepotentemente protagonista sulla scena con un nuovo album: “TuttiQuantiMery”. Incontriamo il musicista rivelazione dell’edizione  2009 di Xfactor  ad“Insieme”,  mentre presenta al pubblico siciliano la sua nuova fatica discografica.

-“TuttiQuantiMery” è il suo terzo lavoro che arriva a tre anni di distanza dal precedente “Becucci”. È un concept album che gira attorno ad un tema. Mery è il singolo trainante di questo nuovo lavoro. Parliamo di questo progetto?

ph Vincenzo Musumeci

ph Vincenzo Musumeci

“Racconto la storia di Mery, una gattara di provincia, della quale scopriamo i sogni e le difficoltà. È un esempio di amore incondizionato da seguire. Ho tratto ispirazione dalla madre di una mia amica che salva gatti per strada e li accudisce”.

-È una chiara metafora che spinge a riflettere

“Non fa male prendersi cura del prossimo e non isolare o emarginare gli altri. Mery è un personaggio positivo e credo che ci vorrebbero più persone come la protagonista del mio album per vivere in un mondo migliore”.

-Prima di vincere l’edizione 2009 di XFactor suonava già con vari artisti come Sergio Caputo. Com’è cambiata la sua vita dopo la consacrazione del talent?

ph Vincenzo Musumeci

ph Vincenzo Musumeci

“Sono approdato ad XFactor dopo diciotto anni di gavetta. Ho imparato a conoscere il mondo della discografia anche dal punto di vista burocratico. Nel 2008 dopo aver partecipato ai provini per entrare a far parte del talent e vincerlo l’anno successivo ho fatto il musicista a tutti gli effetti”.

-L’esperienza musicale acquisita durante gli anni quanto è servita per affrontare un palco come quello di XFactor e Morgan?

“Tanto. Ho interagito con Morgan e con gli altri, nonostante la grande emozione, in modo sereno cercando e provando di non farmi sopraffare da ciò che stavo vivendo. In questo lavoro è importante essere veri, ma non farsi travolgere  troppo dalle sensazioni”.

-Esiste, secondo lei, un momento ideale per scrivere?

“Ogni momento può essere quello buono. Generalmente scrivo la mattina presto tutto quello che penso durante il giorno. A   quell’ora, non so come mai, riesco a scrivere bene e anche in rima. Quando mi sveglio è il momento ideale per la mia creatività”.

ph Vincenzo Musumeci

ph Vincenzo Musumeci

-Oggi molti sperano di diventare attori o cantanti. Un consiglio da chi come Matteo Becucci ce l’ha fatta a tutti quei ragazzi che sognano d’intraprendere il suo stesso sogno.

“Fare tanta esperienza, perché solo così si è pronti per gli imprevisti”.

Elisa Guccione

Foto servizio di Vincenzo Musumeci

 

 

 

A proposito dell'autore

Passionale, grintosa ed innamorata del suo lavoro. Abbandona la carriera giuridica per realizzare il suo sogno: scrivere. Testarda e volitiva crede nella forza trascinatrice dei propri sogni e combatte per realizzarli. Sempre pronta con il suo inseparabile registratore a realizzare un’intervista. Si occupa di Teatro e Comunicazione da anni. Non ha paura delle sfide, anzi, la stimolano ad andare avanti.

Post correlati

Scrivi