Il Cittadella vince di misura con un rigore di Coralli.

Sono 4 le sconfitte consecutive per un Trapani adesso in piena crisi. Infortuni prima, poi un mercato che ha visto attorno al gruppo allenato da mister Boscaglia non poche voci, culminate poi con la cessione di Mancosu, hanno segnato l’involuzione che fa crollare i granata in piena bagarre nella lotta per non retrocedere.

Dopo la sconfitta senza attenuanti per mano del Vicenza, e il ritiro punitivo in Veneto, contro il Cittadella non si vedono miglioramenti, anzi, la situazione sembra essere peggiorata. Non tanto per le sconfitte, non è un segreto che fuori casa il ruolino di marcia dei siciliani non è dei migliori e le due trasferte consecutive non hanno aiutato in questo senso, quanto per l’evidente nervosismo della squadra in campo. Gli uomini di Boscaglia chiudono in 9, contro un avversario che per la verità non ha fatto nulla di trascendentale. Una gara giocata più sui nervi (a fior di pelle) che sulla tattica e lo spettacolo. Nessuna occasione per quaranta minuti. Dall’ingenuità di Caldara, al conseguente rigore trasformato da Coralli al 42′ della prima frazione di gioco, il Trapani crolla sotto i suoi stessi colpi. Le ammonizioni fioccano, risultano determinanti quando prima Pagliarulo, poi Scozzarella si fanno mandare anzitempo negli spogliatoi. Al Tombolato la squadra di casa ottiene tre punti determinanti nella sua corsa verso la salvezza. Per il Trapani c’è adesso tanto da lavorare, sulla testa dei giocatori, ma anche sul mercato che sta per chiudersi: non è un segreto che Faggiano sia alla ricerca di una punta di peso da consegnare al suo allenatore.

CITTADELLA: Pierobon; Cappelletti, Scaglia, Pellizzer, Barreca (27’ st De Leidi); Busellato, Minesso (37’ Bazzoffia), Paolucci, Kupisz; Stanco, Coralli (29’ st Sgrigna). A disposizione: Valentini, Donazzan, Pecorini, Camigliano,  Benedetti, Schenetti. All. Foscarini.

 

TRAPANI: Marcone, Lo Bue, Caldara, Pagliarulo, Rizzato (42’ st Barillà); Basso, Zampa, Ciaramitaro, Scozzarella; Abate (32’ st Perticone), Lombardi (15’ st Malele). A disposizione: Ferrara, Daì, Zampa, Citro, Aramu, Feola. All. Boscaglia.

ARBITRO: Riccardo Ros di Pordenone, assistenti Alessandro Marinelli di Jesi e Tarcisio Villa di Rimini, quarto ufficiale Renzo Candussio di Cervignano.

RETI: 42’ rig. Coralli

NOTE: espulsi al 30’ st Pagliarulo e al 40’ st Scozzarella; ammoniti Lombardi, Scaglia, Ciaramitaro, Falco, Pellizzer, Paolucci, Caldara, Malele, Barreca

(foto wikipedia)

Scrivi