SAN VITO LO CAPO – La riserva dello Zingaro nuovamente minacciata dalle fiamme, case distrutte dal fuoco: grande paura da ieri sera a San Vito Lo Capo per un vasto incendio che è divampato nel pomeriggio, intorno alle 17.30, in contrada Sauci, vicino al villaggio turistico di Calampiso. I venti caldi che hanno soffiato per tutta la giornata di ieri hanno alimentato il fuoco facendo propagare le fiamme in diverse zone.
Sette squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato per tutta la notte riuscendo a spegnere le fiamme intorno alle 7 di questa mattina. In particolare il rogo ha interessato le zone di San Vito Lo Capo, Calampiso e Valderice. La zona più devastata è quella del Monte Fauci a Calampiso. Anche lo Zingaro invaso dal fuoco, si è salvato grazie al dispiegamento di uomini e mezzi dei vigili del fuoco di Trapani e Palermo, della forestale e della protezione civile. Per spegnere le fiamme è stato necessario anche l’intervento dei canadair della protezione civile che con diversi lanci d’acqua hanno spento le fiamme nelle zone più impervie. Non si conoscono ancora le cause che hanno scatenato il rogo che ha bruciato diversi ettari di bosco e minacciato la gente nelle zone alberghiere.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi