Palermo − È deceduta al reparto di Neurorimazione di Villa Sofia, dove era stata trasportata, la donna di 39 anni, A.T. di Gela, travolta da uno scooter domenica scorsa mentre faceva jogging nella sua città. I medici del reparto diretto da Paolino Savatteri, dopo avere completato la procedura prevista, della durata di sei ore, hanno infatti accertato la morte cerebrale. L’incidente aveva provocato un gravissimo trauma cranio-facciale, oltre ad altri traumi addominali e agli arti inferiori.
I familiari, giunti nel frattempo da Gela, supportati delle psicologhe del centro regionale trapianti in servizio presso il reparto, hanno autorizzato il prelievo degli organi. Il dr. Savatteri ha quindi attivato il percorso previsto attraverso il coinvolgimento del Centro regionale trapianti per stabilire la idoneità della donatrice ed assegnare gli organi. Nelle prossime ore, probabilmente non prima di mezzanotte, un’equipe chirurgica procederà al prelievo. Gli organi che sicuramente potranno essere prelevati e resi disponibili sono i due reni e le cornee. In sede di intervento sarà verificata la possibilità di prelevare altri organi.
Intanto l’Azienda Villa Sofia Cervello, rispondendo alle linee di indirizzo volute dall’assessore Lucia Borsellino, sta procedendo a riorganizzare, anche sotto il profilo delle risorse umane, la sua partecipazione al circuito di prelievo e donazione degli organi.

Scrivi