Nei giorni scorsi, personale della Polizia di Stato ha arrestato i pregiudicati catanesi Pietro Gangi(cl.1977) e  Vincenzo Porzio(cl.1967) responsabili, in concorso, del reato di furto aggravato, violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Nello specifico, i due malviventi, mentre percorrevano a bordo di un motociclo il Largo Rosolino Pilo, venivano notati da una pattuglia della Squadra Mobile,  Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, che intimava loro di fermarsi per un controllo.

Porzio, che si trovava alla guida del mezzo, accelerava l’andatura imboccando, in senso contrario di marcia, la via Firenze. Ne scaturiva un inseguimento terminato con una caduta a terra dei due fuggitivi. Mentre Porzio rimaneva a terra, Pietro Gangi cercava di fuggire ma veniva bloccato, dopo una colluttazione, da uno degli operatori dei “Condor”.

Durante la fuga i malviventi hanno provato a  disfarsi di oggetti preziosi che sono stati poi recuperati.

Nel corso delle indagini è stato accertato che i monili erano provento di un furto perpetrato, pochi minuti prima, in un’abitazione del quartiere “Picanello” e così sono stati riconsegnati agli aventi diritto.
Porzio veniva condotto in ospedale dove è stato ricoverato per una frattura alla gamba, dovuta alla rovinosa caduta dal ciclomotore.

Per tali fatti entrambi sono stati  arrestati e posti a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Gangi è stato condotto presso il carcere di Piazza Lanza di Catania, mentre Porzio è stato sottoposto agli arresti ospedalieri.

Scrivi