Il “Pesce cavaliere”, era questo l’antico nome del pesce spada, chiamato così sia per il suo aspetto caratterizzato dalla lunga spada che, altro non è, che un prolungamento della mascella, sia per la sua vita segnata dalla forza del suo spirito da vero combattente, che dalla fedeltà riservata alla sua compagna.

Pescato da sempre in Sicilia, in particolare lungo lo stretto di Messina, fu per secoli, proprio per questa ragione, prerogativa dei pescatori messinesi, anche se le origini della pesca al pesce spada hanno radici antichissime che risalgono fino ai popoli greci, fenici e romani.

Piatto tipico della cultura culinaria della nostra isola, unisce sapori e profumi della storia e della cultura siciliana, utilizzando, per la sua preparazione,  ingredienti semplici, definiti “poveri”, capaci però di esaltarne il gusto; una prelibatezza da mangiare in ogni occasione.

Involtini di pesce spada alla ghiotta:

Ingredienti:

1 kg di pesce spada a fettine – 1 cipolla – 500 gr pomodori – 200 gr pangrattato – 100 gr pecorino – 200 gr olive nere (snocciolate) – 50 gr capperi (dissalati) – 1 cuore di sedano – olio, sale, pepe q.b. (quanto basta)

Preparazione:

Affettate la cipolla, tagliuzzate il cuore di sedano, spelate i pomodori e tagliateli a pezzetti, poneteli dentro un tegame e aggiungete le olive snocciolate e i capperi precedentemente dissalati sotto abbondante acqua. Condite il tutto con sale e pepe e lasciate cuocere per una decina di minuti a fuoco basso.

Prepariamo il ripieno dei vostri involtini. Condite il pangrattato con il pecorino grattugiato, togliete il sugo dal fuoco e prendetene qualche cucchiaiata da unire al composto di pangrattato e pecorino per renderlo più morbido.

Adagiate le fette di pesce spada su di un tagliere, in ogni fettina mettete un pò del ripieno preparato poi avvolgetele delicatamente e infilzate con degli spiedini. Disponete gli involtini nel tegame con il sugo e lasciate cuocere coprendolo con un coperchio per circa venti minuti, ricordatevi di rigirarli ogni tanto per uniformare la cottura.

Buon Appetito !

A.M.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi