di Mariagrazia Miceli

Coordinate 35°30′56″N 12°34′23″E, mare cristallino, sabbia bianca finissima, panorama mozzafiato. La mente va subito ai Caraibi… e invece no. Stiamo parlando dell’estremo lembo di terra a sud d’Europa, più precisamente di territorio italiano, siculo nello specifico.

Immersa nel Mar Mediterraneo, più vicina a Tunisi che a Porto Empedocle (AG), l’isola di Lampedusa possiede infatti la Spiaggia dei Conigli, la più bella d’Europa e terza nella classifica mondiale 2015 di TripAdvisor, il sito di viaggi più grande al mondo, alle spalle di Baia do Sancho in Brasile e Grace Bay nei Caraibi.

 

Le sfumature di azzurro delle sue acque limpidissime esercitano un’attrazione irresistibile nei confronti di chi la visita ed è un mirabile esempio di come le bellezze naturalistiche ed ambientali rappresentino una risorsa straordinaria per la crescita dei flussi turistici e dell’economia della nostra isola.

caretta_LargeSi tratta di un’autentica meraviglia per la sua straordinaria bellezza, mirabile esempio di come sia possibile coniugare con sapienza natura e turismo di massa, poiché è l’unica nidificazione conosciuta della tartaruga marina Caretta Caretta, specie particolarmente protetta perché a rischio d’estinzione a causa della crescente antropizzazione delle coste, divenuta per questo motivo simbolo dell’isola di Lampedusa.

Dotata di una fauna marina incredibile il sito è riserva naturale e per la protezione dei nidi, la tutela e la pulizia quotidiana della spiaggia sono numerosi i volontari che partecipano ai campi di lavoro organizzati da Legambiente.

Un “gioiello” a meno di un’ora di volo che vale la pena visitare almeno una volta nella vita.

 

Scrivi