PALERMO – Il caso delle toghe indagate si compone di un altro interessante tassello. La Procura di Caltanissetta infatti, ha deciso di mettere sotto la lente d’ingrandimento la Nuova Sport Car di Isola delle Femmine, autosalone di lusso che, stando alle prime indiscrezioni, sarebbe stato usato come vera e propria base logistica per incontri d’affari, base gestita ancora una volta dagli amministratori giudiziari. Poi, le auto: alcune acquistate da amici e parenti sottocosto, altre prima comprate e poi rivendute al doppio per incassare le plusvalenze.

L’amministratore giudiziario Walter Virga e il suo entourage, assunto originariamente per aiutarlo a gestire l’impero economico degli imprenditori Rappa, eredi di Vincenzo -condannato in via definitiva per mafia e ormai scomparso – devono rispondere della gestione di una lunga lista di beni, società e imprese che valgono 800 milioni di euro compresi la concessionaria di auto e l’emittente televisiva Trm, beni sequestrati l’anno scorso con sentenza definitiva di Cassazione e che erano appunto passati in gestione alle autorità competenti in materia di beni sequestrati. 

Ma la Polizia tributaria di Palermo sta facendo quadrato anche attorno ai negozi di abbigliamento, pelletteria e accessori con il marchio Bagagli, oggetto di manovre poco chiare in quanto, al momento del sequestro, l’incarico sarebbe stato affidato da Silvana Saguto al giovane figlio di Tommaso Virga, presidente di sezione del Tribunale e membro del Csm. Sembra infatti che così facendo, la Saguto avrebbe voluto in qualche modo sdebitarsi con il padre che l’avrebbe aiutata in occasione di un procedimento disciplinare davanti allo stesso Csm.

Infine, ci sarebbero sospetti anche su ipotetici provvedimenti di liquidazione nei confronti di alcuni componenti del consiglio di amministrazione -pare svariate migliaia di euro da erogarsi mensilmente- persone facenti parte dell’amministrazione della Nuova Sport car o di relativi consanguinei, che avrebbero acquistato Iphone 6 e altri beni di lusso in maniera poco chiara.

Massima attenzione comunque, da parte degli agenti, su tutte le varie sfaccettature della vicenda, al momento rese volutamente enigmatiche dalle indagini in corso.

Teresa Fabiola Calabria


-- SCARICA IL PDF DI: Isola delle Femmine, beni confiscati, affari loschi nell'autosalone di lusso --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata