CATANIA – “Il Senato approvi gli emendamenti che prevedono la statizzazione graduale degli istituti musicali ex pareggiati, di cui il nostro istituto Bellini, il più grande d’Italia, è certamente tra i più rappresentativi e prestigiosi per numero di iscritti, circa 750, per estensione territoriale, visto che è punto di riferimento di almeno quattro province siciliane, e si chiuda una partita che va a vanti da troppo tempo e che mortifica ogni giorno il lavoro di migliaia di professionisti della cultura”. Lo dichiara la parlamentare nazionale del Partito Democratico Luisa Albanella, componente della Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati.

“Mi sono personalmente interessata con il presidente della Commissione Cultura al Senato, Andrea Marcucci e il Capo dipartimento del MIUR, professor Marco Mancini – spiega la deputata democratica che sul punto si è confrontata con il professor Antonio Torrisi, rappresentante del Ministero nel Cda dell’istituto Bellini – perché facessero chiarezza su come, a livello ministeriale e parlamentare, si sta affrontando una faccenda, su cui si sentono molti annunci e rassicurazioni e si vedono pochi fatti”.

“La Commissione sta, dunque, procedendo a uno screening di tutte le proposte parlamentari presentate al riguardo, compreso il disegno di legge sulla statizzazione degli istituti musicali da me firmato nel 2013, oltre ai tanti emendamenti avanzati – sottolinea Albanella – Tra i nodi più complicati da sciogliere, e non ancora risolti, c’è certamente la mancata copertura finanziaria, considerato che occorrerebbero dai 40 milioni di euro ai sessanta per l’operazione complessiva”.

“Ho avuto notizia dal professor Mancini in persona che si sta facendo una sintesi sulla necessità di prevedere la statizzazione graduale di tutti gli istituti musicali e ho chiesto ai senatori Pd di fare quadrato attorno a questo emendamento, che potrebbe essere votato già ai primi di luglio – esorta – e fare meglio di quanto si sia riusciti alla Camera con l’approvazione provvedimento che ha previsto la copertura in emergenza a livello nazionale di soli 3 milioni di euro per il 2016 e un milione per il 2015”.

“Ho accettato l’invito delle organizzazioni sindacali di partecipare a una assemblea dei lavoratori che verrà convocata nei prossimi giorni per illustrare nel dettaglio tutte le informazioni raccolte fino a questo momento”.

“All’istituto Bellini di Catania senza l’avvio del percorso di statizzazione – prosegue la parlamentare nazionale– sono a rischio 25 posti di lavoro 14 precari storici e 11 docenti con contratti di collaborazione, ma c’è preoccupazione anche per i 67 docenti di ruolo e i 14 ammnistrativi ”

Scrivi