di Agnese Maugeri

C’era una volta un ragazzo di 23 anni di nome Samuel, che viveva in una città molto particolare, illuminata dal gialla luce del sole, dall’aria salmastra e protetta da un vulcano buono, detta Catania. Samuel, sin da 12524054_10208435732480179_6347646460447651120_n-1bambino, aveva un bisogno irrefrenabile e istintivo, i battiti del suo cuore infatti eseguivano una musica perfetta, questa melodia scorreva nel corpo e nella mente del nostro protagonista, diventando impossibile per lui non ascoltarle ma soprattutto non eseguirla.

Suonare, cantare era la vera linfa della sua vita per tanto Samuel sin dall’adolescenza si esibiva scegliendo dei palchi molto suggestivi così come quel cuore musicale gli suggeriva. Le strade e le piazze della sua città, diventavano la sua meta prediletta, i passanti estasiati si fermavano a sentire la sua chitarra ad apprezzare la sua voce. Presto Samuel fu definito un menestrello moderno e come tanti artisti di strada iniziò a viaggiare da una città all’altra, per allietare, con la sua musica, le tante persone che incontrava lungo il cammino.

Un giorno il ragazzo volle tentare una nuova strada, scelse un palco molto più prestigioso e diverso dai suoi soliti luoghi, decise di percorrere una via sconosciuta e di proseguirla a fino in fondo, stregato da una luce brillante che lo attirava.10400082_10153890944379351_2763796613599769271_n

Così il nostro giovane eroe era giunto su di un vero palcoscenico, sotto riflettori e difronte a degli esperti di musica, il lungo cammino di Samuel lo aveva portato fino a The Voice, il talent show della Rai. Qui il ragazzo, accompagnato dalla sua fedele amica chitarra, suonò Firestone di Kygo featuring Conrad Sewell, l’incanto generato fece si che i quattro giudici Emis Killa, Max Pezzali, Raffaella Carrà e Dolce Nera, si  voltarono tutti per vedere a chi apparteneva quella voce.

L’esecuzione era andata così bene da far si che tutti i professionisti volevano Samuel nella propria squadra, 12742540_10153890943184351_483468060927746714_ntentandolo e corteggiandolo a lungo, ma il giovane ancora una volta decise di seguire il cuore e far felice la sua mamma grande fan di Raffaella.

Samuel era riuscito a coronare il suo sogno, a cantare per un grande pubblico, a entrare nel team della mitica Carrà e a continuare a suonare.

Adesso Samuel è all’inizio di una nuova strada, differente dalla precedente ma sicuramente sempre appassionante e ricca di emozioni da vivere e nuove persone da incontrare. Noi continueremo a seguire la favola del menestrello moderno, certi che lo attenderà un lieto fine.

A. M.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Agnese Maugeri

Divoratrice di libri con una brutta dipendenza adoro “sniffare” quelli nuovi. Logorroica, lunatica, testarda. Amante del teatro, ballerina mancata, l'altezza (esagerata) ha infranto il mio sogno. Appassionata di cinema, tutto ma non horror. Scrittrice per indole, il modo più istintivo per sentirmi bene, prendere carta e penna e scrivere Aspirante giornalista per vocazione e CakeDesigner per diletto. Non sto mai ferma puoi incontrarmi mentre recensisco un evento, una prima o un vernissage, con in borsa un libro e biscotti per ingannare l'attesa!

Post correlati

Scrivi