di Graziella Nicolosi

Foto: Vincenzo Musumeci

2016@Vincenzo Musumeci

2016@Vincenzo Musumeci

SAN GREGORIO DI CATANIA – “Fondare biblioteche è come costruire granai pubblici, ammassare riserve contro l’inverno dello spirito”. Lo scriveva Marguerite Yourcenar nelle “Memorie di Adriano”, ed è una frase che torna sempre in mente quando qualcuno compie l’atto – eroico di questi tempi – di realizzare una biblioteca e metterla a disposizione dei lettori. Stavolta a pensarci è stato il sindacato unitario dei giornalisti Assostampa, guidato in provincia di Catania dal segretario Daniele Lo Porto (e direttore responsabile del nostro giornale), che ha voluto fortemente questa iniziativa.

“Tutto è partito – spiega – dal progetto ‘Un giornalista, un libro, un thè’, che nei mesi scorsi ci ha visto organizzare alcune presentazioni di libri scritti da colleghi. Dall’entusiasmo messo in moto dopo quegli incontri sono scaturite alcune donazioni di libri, fino a raggiungere un numero ragguardevole che ci ha spinto a cercare una sede adeguata in cui collocarli. Sede che abbiamo ottenuto grazie alla disponibilità della società Casale Borghese srl, rappresentata da Giuseppe Milagro e dalla direttrice della struttura Oriana Tabacco”.

2016@Vincenzo Musumeci

2016@Vincenzo Musumeci

Un paziente lavoro di inventariato e catalogazione, realizzato gratuitamente dalla collaboratrice di Sicilia journal Katya Maugeri, ha permesso che via via la biblioteca Assostampa-Casale Borghese prendesse forma, fino all’inaugurazione ufficiale di ieri mattina nella sede di Casale Borghese, in via Federico di Svevia 6 a San Gregorio di Catania.

Erano presenti numerosi esponenti del mondo giornalistico, letterario e universitario catanese, fra cui Nino Milazzo, “memoria storica” del giornalismo catanese, che si è detto fiducioso sulla possibilità che la carta stampata possa sopravvivere ancora a lungo nonostante la diffusione di internet, e ha espresso la necessità di “difendere il valore della stampa come fonte di formazione e di informazione”.

2016@Vincenzo Musumeci

2016@Vincenzo Musumeci

In rappresentanza dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia è intervenuto il segretario regionale Concetto Mannisi, mentre per l’Assostampa era presente, oltre al segretario catanese Lo Porto, il consigliere regionale Pippo Petralia.

All’inaugurazione della biblioteca hanno partecipato anche il console onorario di Malta Chiara Calì, il presidente di Abbetnea Franz Cannizzo, il presidente  dell’Istituto europeo per lo sviluppo e  la cooperazione Teodora Marletta, il maestro Tano Brancato, gli scrittori Tino Vittorio, Santino Mirabella, Antonio Iacona, Alessandro Russo, Marilina Giaquinta, Domenico Trischitta, Lella Seminerio, Angelo Scandurra, Nello Pappalardo, Alfio Di Marco, Vera Ambra, Torquato Tricomi, Gino Astorina, che hanno donato alla biblioteca i loro volumi.

Tra gli autori  che hanno già contribuito ad arricchire gli scaffali, si segnalano inoltre Domenico Seminerio, Carlo Barbieri, Aldo Motta, Anna Vasta, Paolo Lisi, Giuseppe Condorelli, Alessandro Sofia, Franco D’Urbino, Sebastiano Ardita, il direttore del Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università degli studi di Catania Giancarlo Magnano di San Lio.

2016@Vincenzo Musumeci

2016@Vincenzo Musumeci

“I libri attualmente presenti in biblioteca sono circa 500, ma il nostro obiettivo ambizioso – auspica il segretario provinciale dell’Assostampa – è raggiungere i 1000 titoli entro l’anno”.

Intanto nella sede di Casale Borghese proseguono le “Colazioni culturali” che ogni settimana prevedono la presentazione di un libro diverso: domenica 24 gennaio alle ore 11 Katya Maugeri  parlerà de  “L’amore non sta in piedi” di Marilina Giaquinta; domenica 31 gennaio, sempre alle ore 11, Daniele Lo Porto ospiterà Domenico Seminerio con  “Cinque gialli sul nero”.

 

2016@Vincenzo Musumeci

2016@Vincenzo Musumeci

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi