di Maria Morelli

 

Per discutere e capire come ottimizzare le risorse naturali e paesaggistiche siciliane in chiave cinematografica mettendole a reddito, l’assessorato regionale al Turismo insieme alla Social Movie Production di Aenne Press Spa ha organizzato l’incontro “Rilanciamo il Cinema in Sicilia”. L’evento è in programma oggi presso Villa Igiea nella sala convegni dell’Ufficio Turistico Regionale di Palermo.

Partecipano ai lavori Cleo Li Calzi, assessore regionale al Turismo con delega all’Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo, Alessandro Rais, direttore dell’Ufficio Speciale per il Cinema, e i rappresentanti delle Film Commission Siciliane (Palermo, Agrigento, Messina, Ragusa, Siracusa, Catania, e Noto).

Al dibattito, moderato dall’attore Ernesto Maria Ponte, prendono parte il produttore cinematografico Carlo Degli Esposti, Antonio Cinquemani dell’associazione Ad Maiore che illustrerà il Tax Credit, Raffaele Veneruso, organizzatore cinematografico, Fabrizio Ferrandelli, vicepresidente della commissione Antimafia all’Ars, il regista Gian Paolo Cugno, la principessa Vittoria Alliata di Villafranca e Vito Giglio direttore dell’hotel Villa Igiea.

Sono presenti, inoltre, maestranze del cinema, produttori e personaggi come il regista Franco Maresco, gli attori Luigi Maria Burruano, Paride Benassai, Gianni Nanfa, Giovanni Cacioppo, Domenico Centamore, Toti e Totino, Francesco Giuffrida, Salvatore Lazzaro, Tony Sperandeo, Alessio Vassallo, i ragazzi de “I soldi spicci”, Vito Meccio, Antonio Pandolfo e Sergio Vespertino.

“Ho colto favorevolmente l’organizzazione di questo incontro – ha commentato l’assessore Li Calzi – poiché ritengo possa essere un momento utile di confronto con alcuni dei maggiori protagonisti della cinematografia dell’Isola, convinta che le produzioni cinematografiche rappresentano non solo un settore produttivo di rilievo, ma contribuiscono, in modo determinante, a veicolare l’immagine della nostra isola nel mondo. Il cineturismo può e deve diventare occasione di rilancio economico ed opportunità occupazionale per la Sicilia. Per questo accoglieremo riflessioni, spunti ed anche critiche, purché finalizzati a migliorare un contesto che, anche nel recente passato, ha saputo offrire, tra mille difficoltà, esempi di eccellenza e di straordinaria qualità. A questo momento di incontro, seguiranno approfondimenti tecnici atti a predisporre le attività cui è preposto l’ufficio”.

Maria Morelli

Scrivi