PALERMO – “Il drastico ridimensionamento delle Poste a Palermo non trova eguali in nessuna delle grandi città italiane. Non riesco a comprendere la ragione di una scelta così punitiva per la Sicilia e voglio sperare che il governo della Regione e tutte le istituzioni si attivino per impedire una misura che inevitabilmente comporterà una drastica riduzione dei posti di lavoro”. Lo ha dichiarato il presidente della Commissione Antimafia dell’Ars, Nello Musumeci. “La mia vicinanza a tutti i lavoratori del comparto non deve apparire come uno stanco rito di solidarietà con chi rischia il proprio posto di lavoro. Intendo impegnarmi direttamente e voglio poter contribuire alla causa certamente nei limiti delle mie competenze di un deputato dell’Ars, ma con il desiderio di vivere questa battaglia a fianco ai lavoratori della città di Palermo e della Provincia”.

Secondo Musumeci, “periodicamente si affacciano disegni imprenditoriali che penalizzano la Sicilia e mortificano i suoi lavoratori. Anche l’incombente ulteriore tranche di privatizzazione rappresenta una scure che non fa certo ben sperare per il futuro della più grande azienda italiana. Quando ciò accade in un territorio già caratterizzato da una disoccupazione a livelli altissimi, la reazione delle istituzioni nazionali e locali deve essere dura: il capitale non può venire prima del diritto al lavoro!”.
Foto da siciliafan.it
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi