PALERMO –  Il SINALP ha organizzato la marcia per il diritto al lavoro ed alla dignità sociale dei lavoratori del comparto formazione sportelli multifunzionali.  Il Sinalp Sicilia ha presidiato prima l’Assessorato Regionale al Lavoro di via Imperatore Federico dove ha incontrato la Dirigente Maria Antonietta Bullara la quale ha cercato di tranquillizzare le giuste richieste esposte dal Segretario Regionale Sinalp Sicilia D Andrea Monteleone, dal Segretario Regionale Sinalp Comparto Formazione  Gaetano Giordano e la rappresentante di UGL Scuola Annamaria Magro.

Il Sinalp ha fatto presente che non tollererà il tentativo di precarizzazione del comparto. Non tollererà la nascita dell’ennesimo carrozzone regionale che, come tutti gli altri enti regionali, non sarà finanziato o sarà finanziato con ritardi e mancanze di bilancio causando l’ennesima nascita di precari ed emarginati dal mondo del lavoro. Dopo tale incontro si è recato con tutto il corteo di lavoratori del comparto sportelli multifunzionali verso l’Assessorato Regionale alla Famiglia di via Trinacria dove ha chiesto di poter incontrare l’assessore Miccichè. Il SINALP SICILIA chiede Come mai il governo crocetta dopo ben 4 anni di mancati stipendi e completa distruzione del comparto non è riuscito a far dichiarare lo stato di crisi dei lavoratori della formazione dal governo Nazionale?

Assistiamo in tutta Italia alle dichiarazioni di crisi anche dei lavoratori di singole aziende e grazie a questo status il governo invia i fondi per far sopravvivere i lavoratori e le loro famiglie mentre in Sicilia il nostro governo non ha avuto nemmeno la capacità di far dichiarare lo stato di crisi del settore che rappresenta circa 8.000 lavoratori dei quali ben 1.700 fano parte degli sportelli multifunzionali. Il Sinalp dice basta a questo pressapochismo ed incapacità politica ed amministrativa del governo Crocetta.

 


-- SCARICA IL PDF DI: Lavoro, SINALP: "Governo Crocetta incapace" --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata