di Nicoletta Castiglione

CATANIA- Clima teso e ancora nessuna risposta positiva in merito ai licenziamenti che hanno interessato 15 lavoratori del Bingo Family di Misterbianco, che con l’avvento della nuova proprietà, dopo aver istruito i nuovi assunti hanno ricevuto un ben servito ritenuto illegittimo da dipendenti e sindacati. Per fare il punto della situazione, in mattinata, i i segretari di Cgil e Uil, hanno tenuto una conferenza stampa, rinnovando il loro totale appoggio nei confronti dei 15 licenziati, a loro dire ingiustamente.

Fortunato Parisi, segretario generale UIL: – “Siamo qui, affinchè venga sottolineato il nostro operato a favore di questa gente. Padri e madri di famiglia che dopo anni di inappuntabile servizio, si sono trovati in mezzo ad una strada senza che gli sia stata data alcuna possibilità e alcuna risposta. La nuova proprietà del Bingo Family, azienda molto fiorente del territorio etneo, non può interrompere così drasticamente rapporti di lavoro decennali, o quanto meno, motivare legittimamente questi licenziamenti. I sindacati continueranno questa battaglia per la difesa dell’occupazione, con manifestazioni e proteste se necessario”

E’ atteso per i prossimi giorni intanto, l’incontro fra le parti sociali e la nuova direzione del Bingo, nei locali della prefettura. Fino a quel momento, gli ex dipendenti, rimangono in stato d’agitazione.

Giacomo Rota: -“L ‘incontro in prefettura dovrà chiarire i criteri d’azione utilizzati in questa amara vicenda, nel contempo, in accordo con gli ex lavoratori, proporremo ancora una volta i contratti sociali, per permettere a tutti, nuovi e vecchi assunti, di svolgere il proprio lavoro”

Scrivi