Sarà possibile pagare un risarcimento in denaro e se l’offerta è congrua gli stalker potranno veder decadere il reato. Questo è previsto dopo la riforma del Processo penale appena entrata in vigore che introduce, tra l’altro, la possibilità di estinguere i reati, nelle fattispecie soggette a remissione della querela, in seguito alla riparazione del danno.

La riparazione nella riforma del processo penale. Si amplia con la riforma del processo penale la portata delle condotte riparatorie: in cambio della restituzione, del risarcimento del danno o dell’eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose di un reato, il giudice ha ora il potere di dichiarare quest’ultimo estinto.
La norma non subordina l’efficacia della condotta riparatoria all’accettazione dell’offerta da parte della vittima: basta anche la sola offerta reale di una somma che dal giudice sia reputata congrua.
In ogni caso la riparazione integrale (anche mediante risarcimento del danno in seguito a offerta reale) deve avvenire entro il termine massimo della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado. Il giudice potrà fissare un ulteriore termine per il pagamento di quanto dovuto a titolo di risarcimento, anche in forma rateale, comunque non superiore a sei mesi: se l’imputato dimostri di non aver potuto adempiere nel termine ordinario per fatto a lui non addebitabile. In questo caso, il processo è sospeso, come è sospesa la prescrizione e l’udienza successiva è fissata alla scadenza del nuovo termine stabilito e, comunque, non oltre novanta giorni dalla stessa.
Naturalmente, la scelta legislativa ha fatto discutere molto. Il mondo dei sindacati e le diverse associazioni che difendono le donne da maltrattamenti o abuso hanno protestato vibratamente, considerando incomprensibile quanto deciso. Lo stalker, o presunto tale, attraverso il pagamento di una multa potrebbe riuscire a cavarsela e non avere problemi con la giustizia, e soprattutto rimanere a piede libero, continuando ad agire indisturbato. E’ davvero questo il migliore mezzo di tutela che lo Stato intende garantire a categoria di persone più deboli?

P.P.L.

Scrivi