di Agnese Maugeri

Nell’incantevole cornice di Casale Borghese a San Gregorio (Ct) è stata presentata la raccolta “Le ricette di ieri e di oggi” un libro da leggere e da gustare, scritto da Domenico Pagano e Daniela Sammito.

110 piatti che ripercorrono il gusto, la storia, il turismo e la cultura della nostra Sicilia, consigliate da 65 chef che attraverso ricette fedeli alla tradizioni e altre rivisitate, propongono mediante il cibo la riscoperta di certe emozioni perdute nel tempo.1043954_996506257079609_5385612780720232501_n

A raccontarci il meticoloso lavoro di ricerca e di selezione tra le numerose ricette è stato Domenico Pagano durante le “Colazioni culturali” che vengono proposte la domenica mattina al Casale Borghese; insieme a lui erano presenti il giornalista Daniele Lo Porto e il cavaliere Giuseppe Benanti, appassionato di cucina e unico cuoco non professionista presente nel libro.

Il libro è nato dopo le tre guide di “Sicilia da Gustare”, nelle quali Pagano ha suggerito i migliori ristoranti siciliani “da gustare” scelti girando per la nostra isola, in questa nuova raccolta il viaggio è differente perché sono state scrutate le eccellenze gastronomiche, i sapori unici, le tradizioni culinarie della Trinacria attraverso l’arte raffinata degli chef nostrani. Le ricette provengono da ristoranti, pasticcerie,  trattorie lungo tutto il territorio e tracciano un itinerario fatto di cultura e storia, perché le diverse dominazioni che hanno abitato la Sicilia lasciarono molti contributi che fusi insieme a quelli autoctoni sono stati determinati a generare una cucina unica, ricca di odori e sapori.

“Le ricette di ieri e di oggi” è un libro sfizioso e interessante,  tradotto anche in inglese per i turisti,  è corredato da un ricco reportage fotografico. Noi ve lo consigliamo, può essere un bellissimo regalo da far trovare sotto l’albero questo natale!

Il cavaliere Giuseppe Benanti noto imprenditore e produttore di vini, data la sua grande passione per la gastronomia ha partecipato al libro pur non essendo cuoco, unica eccezione concessa, e durante l’incontro ha presentato la sua ricetta: Spaghetti ai gamberetti di nassa, la condividiamo con voi quindi fate attenzione ai passaggi e provate questo primo squisito.

Spaghetti ai gamberetti di nassa:ricetta-linguine-gamberi-rossi-986x400

Ingredienti:

500 gr gamberetti di nassa – 500 gr spaghetti – pomodorini pachino – vino bianco – 1 spicchio d’aglio – olio, sale q.b.

Preparazione:

Iniziate prendendo i gamberetti e pulendoli, sbucciateli e metteteli in una capiente ciotola con un filo d’olio e mescolate.

Adesso occupiamoci del Fumetto: i gusci dei vostri gamberi non buttateli ma adagiateli in una pentola con acqua e sale e cucinateli. Quando bolliranno toglieteli dal fuoco e con incollino raccogliete le bucce tagliatele e ricucinatele. Sempre giunti a ebollizione prendetele e pestatele, una volta effettuata questa manovra fatele cucinare ancora, così otterrete il vostro fumetto. È un lavoro lungo ma vi assicuriamo che il piatto ne trarrà un grande vantaggio nel gusto.

Prendete i pomodorini  e spelateli, per farlo vi suggeriamo un trucco. Con un coltello incidete in verticale i pomodorini pachino e metteteli dentro una pentola con acqua bollente per tre minuti, poi scolateli e versateli in un’altra pentola con il ghiaccio. Appena si saranno freddati potrete tirar via con facilità la loro buccia.

In una padella antiaderente mettete olio, aglio lasciate rosolare quindi inserite i pomodorini e lasciate soffriggere leggermente.

Cucinate gli spaghetti, scolateli al dente e disponeteli nella padella con il soffritto di pomodori, i gamberetti, il fumetto precedentemente ottenuto e un bicchiere di vino bianco, rigirate il tutto per un paio di minuti e servite.

Ricordatevi sempre l’ingrediente segreto è la passione…

Buon Appetito !

Agnese Maugeri

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

A proposito dell'autore

Agnese Maugeri

Divoratrice di libri con una brutta dipendenza adoro “sniffare” quelli nuovi. Logorroica, lunatica, testarda. Amante del teatro, ballerina mancata, l'altezza (esagerata) ha infranto il mio sogno. Appassionata di cinema, tutto ma non horror. Scrittrice per indole, il modo più istintivo per sentirmi bene, prendere carta e penna e scrivere Aspirante giornalista per vocazione e CakeDesigner per diletto. Non sto mai ferma puoi incontrarmi mentre recensisco un evento, una prima o un vernissage, con in borsa un libro e biscotti per ingannare l'attesa!

Post correlati

Scrivi